Secondo pareggio, l’Eccellenza scopre il volto umano del Tortolì

La notizia è che il Tortolì non ha vinto. E' infatti arrivato il secondo pareggio stagionale la capolista indiscussa del torneo di Eccellenza Regionale. Il pareggio è arrivato sul campo del La Palma...

La notizia è che il Tortolì non ha vinto. E' infatti arrivato il secondo pareggio stagionale la capolista indiscussa del torneo di Eccellenza Regionale.

Il pareggio è arrivato sul campo del La Palma (1 a 1 il finale), al termine di una gara combattuta ed equilibrata. Un pareggio forse inatteso, ma che non ha certo intaccato il morale della formazione guidata da Francesco Loi.

«Un pareggio fuori casa va sempre bene – dice il tecnico ogliastrino – e va comunque accettato. Nelle prime due gare del girone di ritorno, giocate a 3 giorni l'una dall'altra, abbiamo conquistato 4 punti e confermato il distacco dalla seconda al livello della fine del girone di andata. Non siamo partiti bene, soffrendo nei primi venti minuti e subendo il gol. Poi abbiamo reagito e trovato il pareggio. Nella ripresa abbiamo controllato la gara, senza però riuscire a mettere a segno il secondo gol. Alla fine devo dire che il pareggio è un risultato giusto, vista anche la buona prestazione del La Palma. Non ci siamo mai montati la testa dopo le vittorie e non ci facciamo certo prendere dallo sconforto dopo un pareggio, arrivato dopo un ruolino di marcia da record».

Dopo tante vittorie un rallentamento fisiologico?

«Non abbiamo mai pensato di poter vincere tutte le partite. Abbiamo un obiettivo e i punti raccolti servono sempre. Il girone di ritorno sarà diverso da quello di andata, perchè ora i punti diventano pesanti e non ci sono gare facili. Inoltre contro di noi tutte danno il massimo e anche di più. Nel corso di una stagione poi ci sta che possa arrivare un momento delicato, ma noi stiamo lavorando perchè arrivi il più tardi possibile».

Le inseguitrici hanno tutte vinto.

«Tutte si sono rinforzate, Calangianus e Budoni in testa, e questo dà ancora più valore alla nostra classifica. Stiamo lavorando bene e vogliamo continuare la nostra strada. Una strada non facile, spesso in salita, ma noi sappiamo essere buoni scalatori».

Gennaio, un mese fondamentale.

«Alla fine del mese si potrà fare un bilancio

più approfondito. Nelle prossime tre gare ci attendono due trasferte molto insidiose a Gavoi e Ghilarza e una sola gara casalinga. Se arrivassimo alla fine di gennaio con il vantaggio inalterato allora potremo anche guardare con maggiore ottimismo al traguardo finale».

Pietro Rudellat

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community