Cus Sassari, il viaggio verso la salvezza non conosce scossoni

Promozione. I rossoblù sono tranquilli nel centro classifica Mister Mura: «Ma che peccato i 4 rigori falliti su quattro»

SASSARI. Il girone d'andata della Promozione si è chiuso con la conferma che lo Stintino è tornato grande, travolgendo in rimonta il Tempio nello scontro diretto e conservando il primato. La novità è arrivata da Castelsardo, con la cenerentola rossoblù vittoriosa dopo tre mesi di digiuno (3-1 al discontinuo Sorso) e non più ultima.

Nel mezzo il Cus, che viaggia in acque tranquille ma ha tanto da recriminare per aver fallito in casa l'appuntamento con i 3 punti contro la Macomerese. «Abbiamo buttato al vento l'opportunità di fare un importante passo avanti verso il quinto posto», si rammarica il tecnico sassarese Massimiliano Mura. «Non siamo riusciti a concretizzare le tante occasioni e se non si segna non si vince, al massimo si pareggia e noi oltre lo 0-0 non siamo andati, pur giocando bene e meritando la vittoria. Non era proprio destino che il pallone finisse in porta, neppure su rigore: al 90' abbiamo mancato il gol anche dal dischetto».

A sbagliare è stato l'attaccante Manuele Mura, fratello del mister. «Come allenatore non l'ho rimproverato, gli errori fanno parte del gioco. E anche come fratello... non ho avuto bisogno di dirgli niente, ci ha pensato da solo. Evidentemente doveva andare così, il rigorista è Tony Zaccheddu ma era già uscito».

Il tema degli undici metri è caldo in casa rossoblù, perchè un errore ci può sempre scappare (non sbaglia solo chi non tira) ma 4 su 4 è un dato che ha dell'incredibile. «In effetti siamo allergici ai rigori, in questo modo abbiamo visto sfumare almeno 3 punti. Un bottino che ci avrebbe lanciato al quarto posto», riflette Mura.

Domenica il Cus apre il girone di ritorno con un'altra partita casalinga, ospite il Sorso che all'andata l'aveva spuntata per 3-2. «Cercheremo di prenderci i punti sfuggiti allora, con l'errore su rigore - ricorda l'allenatore sassarese - commesso al 90', il nostro minuto fatale».

Il bilancio al giro di boa per il Cus può dirsi comunque positivo. «I nostri programmi prevedevano salvezza senza ansie e la crescita e valorizzazione dei giovani, direi che ci siamo, avendo 22 punti e chiudendo ogni gara con un minimo di 5 fuori quota in campo. Se pensiamo che solo due anni fa eravamo in Seconda categoria....», conclude Mura, che pronostica al vertice il duello tra lo Stintino ("sembra la sua annata") e la Dorgalese, con l'Usinese possibile outsider "se prosegue nella sua prepotente rimonta".

* Per un refuso nei risultati la classifica ieri risultava sbagliata, eccola corretta: Stintino 32, P. Rotondo 29, Dorgalese 28, Tempio 26, Usinese, Ozierese e Macomerese 24, Cus SS 22, Sorso 21, Bonorva 20, Lauras e Fonni 14, Siniscola e Portotorres 11, Castelsardo 10, Luogosanto 9.

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller