una giornata di festa

Le vecchie glorie pareggiano a Calangianus

CALANGIANUS. Alla fine i sacrifici degli organizzatori per promuovere l’incontro vecchie glorie Calangianus-Olbia di sabato scorso è stato ripagato. Non tanto per il pubblico presente quanto per il...

CALANGIANUS. Alla fine i sacrifici degli organizzatori per promuovere l’incontro vecchie glorie Calangianus-Olbia di sabato scorso è stato ripagato. Non tanto per il pubblico presente quanto per il bel clima che si è creato fra le due équipe. Il risultato di 3-3 - reti di Acuna (doppietta) e Zuncheddu per i giallorossi; Comiti, Asara e Fermanelli per i bianchi - è il dato meno importante dell’evento sportivo che si svolto al Signora Chiara. Si è arrivati anche a giocarsi la sfida ai rigori ma anche qui risultato è stato di pareggio e allora proprio un vincitore non doveva esserci...

Festa per tutti, del resto la vittoria era sta già sancita dalla ampia partecipazione di atleti, qualcuno con una precisa richiesta di giocare un tempo perché gli anni passano... Poi alla fine tutti ci tenevano a stare in campo perché si deve onorare l’invito degli organizzatori. La banda musicale “ Michele Columbano” ha accompagnato l’ingresso in campo dei giocatori agli ordini del signor Francesco Scano di Perfugas. E poi eccoli presentati dal quel simpaticone di Giuseppe Papandrea, da decenni a Santa Teresa, telecronista dei bei tempi che furono della tv Canale 48 di patron Mario Savigni. In campo c’erano volti ben noti ai tifosi sia perché con anni di militanza in giallorosso o perché fra i bianchi

c’era chi era stato anche giocatore dei giallorossi come Scanu, Truddaiu, Comiti. A bordocampo , accanto a Pippo Serreri, un signore, timido: Varrucciu, sgusciante ala olbiese del Calangianus di Paleddu Degorte, stagione 1975-76, promossa in serie D. Nessuno la dimenticato...(p.z.)

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller