Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Luca Tilloca domina lo Slalom di Tula

TULA. Settima edizione dello Slalom di Tula vinta da Luca Tilloca con la sua Formula Gloria. Nell'edizione 2017 di questa manifestazione, corsa sugli spettacolari e impegnativi tornanti che dal fondo...

TULA. Settima edizione dello Slalom di Tula vinta da Luca Tilloca con la sua Formula Gloria. Nell'edizione 2017 di questa manifestazione, corsa sugli spettacolari e impegnativi tornanti che dal fondo valle nei pressi della diga sul Coghinas si inerpicano sul costone del Monte Limbara in direzione di Erula, organizzata dal Gruppo Motori Tula e valida come decima prova del campionato sardo Trofeo Aido Sardegna intitolato a Patrizia Bigi, Luca Tilloca con una strepitosa prima manche (delle tre in programma) ha ipotecato il successo. La gara svolta dal km 20,700 e arrivo al Km 16,750 ( per un totale di 3950 metri con 13 postazioni di birilli) e con la straordinaria partecipazione in veste di apripista dell'affermato campione di drifting Giovanni Della Pozza, ha visto darsi battaglia tutti i migliori specialisti isolani. Dietro la forte pilota algherese, il leader del campionato, l'ittirese Giovanni Cannoni su prototipo VST Hayabusa, seguito dal veterano Francesco Marrone , che risolveva in parte i problemi alla sua Osella Pa 9 AR. Dietro questi tre, conferma della ritrovata competitività per Fabio Angioi (Radical), seguito da Angelo Fois (AF 1 Kawasaki), Giacomo Deroma (prototipo Fiat 600), Roberto Idili (prototipo Fiat 500), Dario Mannoni (Af 2), Gianfranco Usai (AM 1) e Franco Piras (Fiat X1/9 S5). Dopo questi primi dieci la graduatoria assoluta continua con il primo delle vetture coperte: il veterano gavoese Nanni Mulas (Renault R5 Gtt E1), il rallista Cenzo Ledda (Mitsubishi Lancer Evo 9 Gr N), Fabrizio Seoni, Giovanni Patteri, Antonio Secchi, Raimondo Palomba, Giovanni Falchi, Antonio Brundu, Fabrizio Marrone e Stefano Fresi .

Roberto Spezzigu