Infermeria affollata, anche Pisacane è out

Oggi il difensore effettua gli esami (stiramento?), sicuramente salterà la sfida contro il Torino

CAGLIARI. Testa e animo al Toro. Con una sospirata boccata d'aria: il Cagliari ha poco tempo per gioire dei 3 punti con classifica e umore in ascesa. Scollinato con brivido in chiusura l'ostacolo Benevento, ieri tutti in campo. Domenica, nel posticipo ci sono i granata in Piemonte. Match insidioso come tutti, da preparare con cura: la panchina di Mihajolovic traballa. Ma Lopez ha già fiutato l'aria. Anche per concentrazione e grinta senza esitazioni. Con un mezzo sorriso in più: i 9 punti valgono il tredicesimo posto alla pari con l'Udinese. Alle spalle i rossoblù hanno rimesso le cose un tantino in ordine: con 8 punti segue il Sassuolo, a 6 ci sono Genoa, Crotone e Verona, a 5 la Spal, a 0 chiude il Benevento.

Dal campo. Chi ha giocato mercoledì notte è stato lasciato praticamente a riposo da Lopez. Per Pavoletti e soci lavoro di scarico in palestra. Il resto dell'organico ha aperto la mattinata con attivazione in palestra, a seguire esercizi di flessibilità dinamica, esercitazioni tecniche in fase di possesso, lavoro aerobico e partita su campo ridotto.

Dall'infermeria. Pisacane, uscito al 39' del primo tempo della gara contro il Benevento - fastidio muscolare coscia destra - effettua oggi gli esami clinici. Per il resto, ancora out Cossu e Cragno. Per Deiola lavoro personalizzato. La squadra si ritrova stamani ad Asseminello.

Doppio ex. Intercettato da Tutto mercato web, riecco Danilo Avelar. Il terzino sinistro brasiliano - passato nel 2015 dai Quattro Mori al Toro e attualmente all'Amiens, serie A francese - segue
sempre il Cagliari: «Ci sono stati dei periodi migliori. Mi sento spesso con i ragazzi brasiliani della squadra: hanno tanta voglia di migliorare e penso che lo faranno. Il loro campionato quest'anno? Sicuramente riusciranno a salvarsi in tranquillità».

Mario Frongia

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

SCRIVERE: NARRATIVA, POESIA, SAGGI

Come trasformare un libro in un capolavoro