hockey su prato 

Anno da incorniciare per la Juvenilia

Nella A1 femminile stagione positiva per l’Amsicora e la Ferrini

CAGLIARI. Si chiude anche per l’hockey su prato maschile e femminile il 2017. È tempo di stilare i bilanci per le squadre isolane iscritte nei maggiori campionati nazionali.

A1 maschile. Si può certamente indicare la Juvenilia Uras come la migliore rappresentante isolana in campo nazionale di questa annata, i motivi sono principalmente due. Il primo: ha finalmente coronato il sogno di approdare nel palcoscenico più importante a livello nazionale, dominando alla grande in A2 (dove ha concluso imbattuta il torneo, conquistando 11 vittorie e tre pareggi). Il secondo è che attualmente è grande protagonista anche in A1, dove dopo 9 giornate ha 19 punti, ed è terza in classifica a tre sole lunghezze dai campioni d’Italia in carica dell’HC Bra. Non solo, ma vanta anche nelle sue file un vero fuoriclasse come l’attaccante ucraino Andryi Koshelenko, capace di realizzare la bellezza di 43 reti, collocandosi ai primissimi posti della graduatoria assoluta dei cannonieri.

Non benissimo ma neppure malissimo sotto il profilo dei risultati invece l’Amsicora, che ha dovuto cedere lo scettro di più forte al Bra, ma sempre in grado di lanciare in prima squadra giovani di sicuro avvenire hockeystico, come ad esempio i fratelli Lorenzo e Davide Giuliani, Lorenzo Mirasola e Giacomo Boi. Complessivamente buona l’annata della Ferrini, capace di esprimersi spesso ad alti livelli di gioco, ma troppo altalenante nel rendimento, e che ha pagato la partenza dei suoi migliori giocatori, i due argentini Leandro Ojeda e Geronimo Clement.

Il Suelli che dal novembre 2015 non dispone più di una propria struttura dove giocare le partite interne, sta pagando a caro prezzo questo fattore e rischia di dover abbandonare la categoria.

A2 maschile. Il Cus Cagliari punta a tornare in A1 e l’attuale terzo posto con 13 punti nel girone A lo sta a dimostrare. Gli universitari inoltre dispongono di due stranieri molto forti per la categoria come i due argentini Puglisi e Tubio, capaci di realizzare in due la bellezza di 17 reti.

A1 femminile. Complessivamente bene Amsicora e
Ferrini. La prima, anche se ha perso il titolo assoluto a vantaggio del Cus Pisa, si mantiene tra le primissime in Italia, la seconda invece dopo la salvezza di giugno si trova , addirittura, meritatamente al terzo posto, in compagnia proprio delle cugine.

Stefano Serra

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro