Mereu sprona l’Olbia: «Importante vincere oggi»

I galluresi ospitano (ore 14,30) la Pro Piacenza privi di Ogunseye e Piredda Il mister insegue il primo successo del 2018 e gioca la carta Vallocchia

OLBIA. Nel corso di un intero campionato ogni partita è importante, ma quella di questo pomeriggio con la Pro Piacenza vale tantissimo nella stagione dell’Olbia. Appuntamento alle 14,30 al “Nespoli”, per provare a prendersi i primi tre punti del 2018 e allontanare quel senso di depressione che si accompagna alle otto sconfitte consecutive in trasferta. C’è da archiviare il pessimismo, dunque, alimentato dalla notizia arrivata in settimana dei gravi infortuni di Ogunseye e Piredda, che salutano la compagnia fino al termine della stagione.

È la vigilia di Olbia-Pro Piacenza e si sente il clima della svolta, positiva o negativa. I tre punti per iniziare un nuovo cammino, evitando un pareggio che farebbe storcere il naso o una sconfitta che potrebbe aprire ufficialmente la crisi. Le assenze peseranno, soprattutto quella di Ogunseye, visto che, in attesa che il giovane e nuovo arrivato Christian Silenzi si ambienti in squadra e categoria, il centravanti non ha un sostituto naturale. «La nostra è una squadra che sa trovare forze ed energie anche nelle difficoltà e non cerca alibi di nessun tipo – rassicura Bernardo Mereu, allenatore dell’Olbia –. Le perdite ci indeboliscono da un lato, ma dall'altro ci fortificheranno perché facendo quadrato e puntando sulla graniticità del gruppo possiamo toglierci ancora soddisfazioni per arrivare all'obiettivo stagionale». Quello minimo è la salvezza, mentre per ora le ambizioni per posizioni più prestigiose devono fare i conti con la realtà.

In attacco si profila la conferma del tandem Ragatzu-Senesi, con la possibilità per Silenzi e il nordcoreano Choe di subentrare a gara in corso. Inevitabile che l’Olbia debba cambiare qualcosa sul piano tattico. «Cambieremo sicuramente qualcosa nel modo di giocare, perché Senesi ha qualità diverse da quelle di Ogunseye e dobbiamo fare in modo di sfruttarle al massimo – conferma Mereu –. Ciò che non cambierà sarà invece la dedizione con la quale voglio che la squadra scenda in campo per onorare la maglia e il nostro pubblico. È chiaro che dovendo fare a meno di peso e lavoro sporco in attacco, sarà necessario trovare soluzioni di gioco diverse, soprattutto nel modo di attaccare gli ultimi trenta metri». Possibile che sia impiegato dal primo minuto il nuovo arrivato Vallocchia, nel ruolo di incursore, con Senesi e Ragatzu in partenza più larghi. «Serve un po' di tempo perché i nuovi arrivati metabolizzino al meglio la nostra filosofia e i nostro schermi, ma con l'impegno che stanno mettendo nel lavoro arriveranno presto anche i progressi – sottolinea il mister dei bianchi –. Vallocchia è un giocatore pronto per qualità e gamba e potrà essere disponibile da subito».

All’andata l’Olbia colse una vittoria importante fuori casa, superando la squadra emiliana per 3-1. Un precedente che vuole essere di buon auspicio. In quell’occasione l'Olbia disputò una prova autorevole, andando a conquistare i tre punti con pieno merito.
«Cercheremo di replicare la gara dell'andata, giocata con qualità e determinazione – afferma il mister di Triei –. Qualche interprete cambierà, come detto, per cui i protagonisti e i contenuti in campo dovranno essere differenti».

Giandomenico Mele

©RIPRODUZIONE RISERVATA.

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro