Doppia festa per la Torres: playoff con 115 candeline

La società rossoblù celebra una ricorrenza importante ospitando il Tonara  Tortora chiede di tenere alta la concentrazione, c’è in ballo il secondo posto

SASSARI. Settimana delicata per la Torres che non vuole perdere la concentrazione in vista dell’ultimo match del campionato di Eccellenza contro il Tonara (appuntamento domenica al Vanni Sanna, alle ore 16) ma non può ignorare una data importante: domani la società sassarese festeggia i 115 anni di vita. Il club fu fondato il 19 aprile del 1903 in un locale di vicolo Bertolinis nel centro storico della città. Da allora ha attraversato stagioni più o meno fortunate riuscendo però sempre a rialzarsi e a guardare avanti con entusiasmo La ricorrenza verrà festeggiata domenica (la società sta preparando una sorpresa per i supporter rossoblù) ma sarà ricordata anche domani grazie a un’iniziativa dell’Associazione Memoria Storica Torresina che ha organizzato una vera e propria lezione sulla vita del club e, di riflesso, sugli ultimi 115 anni dello sport sassarese. Ospiti d’onore i giocatori, lo staff tecnico e la dirigenza della Torres. L’appuntamento è nella sede dell’Associazione, in viale Umberto, alle 20,30. Per motivi di spazio sono invitati solo i soci.

Intanto la squadra ha ripreso gli allenamenti. Tortora ha dovuto fare a meno di Michele Chelo, colpito al viso domenica a Orroli, oltrechè a Spinola e Bianco entrambi alle prese con qualche problema muscolare. Tutti gli altri si sono rimessi al lavoro con la consapevolezza di dover battere il Tonara
per sperare di guadagnare la pole nella griglia dei playoff. In vista della partita di domenica la Prefettura ha vietato la trasferta ai tifosi ospiti che non potranno quindi acquistare i biglietti per seguire la loro squadra. La festa sarà tutta sassarese e si annuncia pirotecnica.

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro