Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Tilloca primo fra i birilli di Pattada

Autoslalom. In evidenza anche Fabrizio Magliona con Angioy e Marcello

PATTADA. Con una gran prima manche, dove ha portato il suo prototipo Formula Gloria a fermare i cronometri sul tempo di 2'13"57, Luca Tilloca ha vinto la seconda edizione dello Slalom Stazione di Pattada- 3° Memorial Tommaso Giagu. Un buon successo tecnico-organizzativo ha contraddistinto questa gara, disputata ieri su un tracciato di circa 3000 ricavato sulla statale 128 bis con partenza dal Km 52,900 e arrivo al Km 50,250 con 200 metri finali sulla Strada del Carmelo con 12 postazioni di birilli da affrontare, dove si son dati battaglia un'ottantina di piloti. Alla fine, come illustra molto bene la classifica a giocarsi le prime posizioni sono stati i migliori specialisti isolani.

L'algherese Tilloca è partito subito fortissimo mettendo una seria ipoteca sulla vittoria finale con una prima manche in 2'13"57, tempo che solo lui nella terza e conclusiva prova è riuscito a avvicinare con 2' 14"92 (2'22"63 nella seconda manche). Ha tentato di insidiarlo il sassarese Fabrizio Magliona (Formula Gloria) che nella sua seconda manche è riuscita a fare 2'18"46 prendendosi il secondo posto e precedendo il quotato algherese Fabio Angioj (Radical Pro) con il suo 2'18"61 ottenuto nella prima prova. Fuori dal podio il vincitore dell'ultima prova di campionato di Loceri, Pier Raffaele Marcello (Formula Gloria) che stampava un 2'22"31 nella terza manche e precedeva Franco Angioy (Prototipo FA 15) con 2'24"50 e il veterano di Tottubella , Angelo Fois (AF 1 Kawasaki) femro a 2'25"70. La classifica poi continua con Giacomo Deroma (Fiat 600 Pro) 2'28"86 , Stefania Serra (Formula Predators) a 2'30"48, Giangavino Derssena (Fiat X1/9) e Franco Canalis (Fiat Cinquecento Pro).

Roberto Spezzigu