Il Cagliari pressa Ekdal e si assicura i gol di Cerri

Il mediano svedese potrebbe tornare in rossoblù dopo la parentesi Amburgo Brutte notizie per Joao Pedro: potrà allenarsi col gruppo solo dal primo agosto

CAGLIARI. Alberto Cerri veste di nuovo rossoblù. Ieri, a tarda sera, tenuto conto del benefico uragano che ha investito la Juventus con l’acquisto di Cristiano Rolando, e anche delle dinamiche inerenti le società quotate in borsa, il Cagliari ha ufficializzato l’acquisto del centravanti di Parma. I termini dell’operazione sono noti: prestito con diritto di riscatto a uno e nove milioni di euro. E se la società rossoblù acquisterà definitivamente l’attaccante - 15 gol e 10 assist in serie B col Perugia - avrà dalla sua una clausola rescissoria di 35 milioni di euro.

Dall’attacco alla mediana. Con tutti i benefici del caso, è proprio vero che a volte ritornano. Albin Ekdal è stato richiesto dal Cagliari all’Amburgo. Avance con proposta economica al seguito: assegno da due milioni di euro. Reduce dalla retrocessione nella B tedesca - un evento: il club negli oltre cento anni di vita aveva giocato solo nella BundesLiga - e dai mondiali in Russia, la mezzala svedese avrebbe anche dato un primo assenso. Ma la storia non è chiusa. Ed è stato questo uno dei temi trattati a cena in un ristorante di Milano da Tommaso Giulini, Marcello Carli e Rolando Maran. Il tecnico, diretto in Trentino dove risiede la famiglia, ha commentato positivamente la risposta avuta dai 26 convocati in pre ritiro ad Aritzo. Carli ha relazionato sulle questioni di mercato. Il presidente ha fatto il punto. Tra le news, la posizione di Cigarini, che pare destinato a lasciare Cagliari. Chiusa la questione Melchiorri, al Perugia, rimangono da sistemare Dessena, Sau, Capello. Ma in forse ci sarebbero anche Deiola e Han. E non va scordato che il club ha un tema caldo: Luca Cigarini. Il regista - che avrebbe dietro il Parma - non rientrapiù nei piani societari. Da qui, la promozione di Barella play basso, con la necessità di acquistare una mezzala. Ekdal, 29 anni il 28 luglio, 116 partite e 8 gol (inclusa una doppietta da cornice nel 4-1 all’Inter al "Meazza") al Cagliari dal 2011 al 2015, ha lo skill giusto per Asseminello.

Joao Pedro, punto e a capo. Oggi il Cagliari divulgherà la lista dei convocati per le due settimane di ritiro in quota. Ma a Pejo, in Val di Sole, non ci sarà Joao Pedro. Il brasiliano - out nella preparazione di Aritzo e Assemini - pareva potesse aggregarsi per il trasloco in Trentino. Ma il codice di giustizia sportiva ha tarpato gli entusiasmi del giocatore e del club: con la squalifica di sei mesi per doping che scade il 15 settembre, JP10 pareva potersi allenare con i compagni da metà luglio, dopo aver scontato i tre quarti della pena. Invece, potrà farlo solo a partire dal primo agosto.

Mentre avantieri i legali De Toni e Mari, che stanno supportando il trequartista, hanno depositato un ricorso incidentale in cui chiedono la totale assoluzione per estraneità e buona fede di JP10, proprio il 1° agosto si tiene alla corte federale l’udienza
conseguente all’appello presentato dalla procura. Insomma, le cose potrebbero chiudersi al meglio, con il numero 10 a disposizione di Maran. Ma potrebbero anche complicarsi. Con valutazioni che modificherebbero anche le strategie di mercato. I tifosi rossoblù incrociano le dita.

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro