Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

I giallorossi di Salaris iniziano lo shopping col mediano Olmetto

URI. Dopo la conferma di Peppone Salaris alla guida tecnica dell’Atletico Uri, arriva il primo colpo di mercato. Si tratta di Gavino Olmetto, classe 1990 con un passato di tutto rispetto sul quale la...

URI. Dopo la conferma di Peppone Salaris alla guida tecnica dell’Atletico Uri, arriva il primo colpo di mercato. Si tratta di Gavino Olmetto, classe 1990 con un passato di tutto rispetto sul quale la società giallorossa crede fortemente per le sue potenzialità, una pedina importante da inserire in uno scacchiere già collaudato. Il forte centrocampista inizia la carriere a 10 anni nella Torres partendo dagli esordienti (esordio in C2 nel 2006-7). L'anno dopo vince il campionato d’Eccellenza col Budoni e rimane con i galluresi tre anni in serie D, quindi indossa le maglie del Castelsardo e Ploaghe in Eccellenza e del Codrongianos in Promozione. Le ultime stagioni le ha trascorse con l’Ossese vincendo il campionato in Prima categoria e sfiorando l’Eccellenza. «Sono felice e onorato di vestire la maglia dell’Atletico Uri, una società seria e competente alla quale è stato difficile dire di no. Cercherò di ripagare la fiducia sul campo» dice Olmetto.

Sulla conferma di Salaris invece la società non ha avuto alcun dubbio. «Nel calcio di scontato non c’è nulla, ma esistono le eccezioni – dice il tecnico – ma con la società , fatta di persone eccezionali, in questo anno abbiamo avuto modo di conoscerci e li ringrazio per avermi messo nelle condizioni ideali per poter svolgere il mio lavoro». Inutili le pressioni da società anche di categoria superiore: «Volevo allenare l’Atletico Uri per il secondo anno di fila. Devo pensare a lavorare bene con la società che mi ha dato questa opportunità». Dopo un secondo posto, una finale playoff è una finale di Coppa Italia perse di misura «nessun rammarico, perché sia io che il mio staff assieme ai ragazzi abbiamo fatto il massimo. Ai tifosi prometto il massimo impegno per regalargli le soddisfazioni che meritano con la speranza di averli vicini nel nuovo impianto che penso sarà pronto a dicembre». Salaris ha già chiesto un rinforzo per reparto. Fissata al 6 di agosto la data del raduno: quel giorno, con la rosa al completo, prenderà il via la preparazione dell’Uri deciso a farsi trovare pronto al debutto in Coppa Italia il 2 settembre.

Franco Cuccuru