Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Arriva il maestrale e Buggerru si affolla di funamboli del surf

Semaforo giallo per l’edizione 2018 del Didobeach Contest.Domenica 22 luglio il via alla gara, in arrivo big da mezza Europa

BUGGERRU. Ancora una volta il Sulcis, con le sue spiagge e le sue onde chiamate ad animare un'altra grande storia di surf. Proprio sul lungomare di San Nicolò, località Portixeddu, è in programma – vento permettendo – il secondo “Didobeach Surf Contest 2018”, evento promozionale organizzato dalla Federazione italiana Fisw. La location rievoca grandi imprese su tavola e, al presente, si appresta ad ospitare alcuni delle migliori espressioni del surf italiano appartenenti alle categoria uomini, donne e ragazzi. Il semaforo è giallo e la mareggiata sarebbe in arrivo per domenica 22 luglio.

Il maestrale, la natura selvaggia, un litorale lungo e spazioso, onde cristalline ma capaci di scatenarsi con potenza dando forma e sostanza alle evoluzioni dei surfisti in acqua: questo lo scenario che offre Buggerru. L'arrivo del maestrale farà automaticamente scattare il semaforo verde, con conseguente chiamata urbi et orbi da parte dell'organizzazione. Intanto il parterre è in fase di pre allerta. Sotto lo sguardo della giuria federale, montepremi da 800 euro con attrezzatura tecnica e gadget a rendere la competizione ancora più accesa e interessante, si sfideranno surfer appartenenti a tre categoria, con gare organizzate in batterie di tre o quattro atleti alla volta.

«È la seconda edizione del Didobeach surf contest – spiega Nicola Bresciani, organizzatore e coach della Federazione –. Questa spiaggia nei decenni è stata protagonista di tante sfide nazionali e internazionali: vogliamo che torni a essere un punto di riferimento per gli agonisti. Le onde non mancano praticamente mai e i surfisti si trovano a loro agio in questo ambiente, mai troppo affollato anche d’estate, e che somiglia agli spot francesi dove si allenano tanti professionisti». La prima edizione (2016) aveva celebrato le vittorie di Gavino Dettori nella categoria uomini e Ivana Usai in quella donne, con Leonard Monni a imporsi tra i ragazzi. Pre iscrizione da effettuare tramite email a info@surfculture.it

Giovanni Dessole