Latte Dolce al lavoro tra nuovi arrivi e tante riconferme

L’ultimo “ritorno” a casa è l’attaccante Luca Scognamillo «Per me è il quarto anno, ma la voglia è più grande che mai»

SASSARI. Squadra quasi al completo e lavoro avviato per il Latte Dolce. Che ieri ha disputato la prima amichevole con l’Arzachena, perdendo 2-1. Chiaramente nessun dramma e tanto lavoro da fare, con nuovi arrivi da integrare al meglio ma soprattutto un ossatura ben definita confermata dallo scorso anni.

L’ultima riconferma in ordine di tempo, l’ennesima nel nel segno della continuità per il Sassari calcio Latte Dolce che dà sempre più corpo e sostanza alla sua marcia di avvicinamento allo start della prossima stagione di serie D. Ad allenarsi sull'erba di Valledoria, assieme agli altri compagni agli ordini di mister Stefano Udassi, c'è infatti anche Luca Scognamillo, giovane attaccante che anche nel 2018-2019 farà parte integrante del progetto biancoceleste.

Tre anni già vissuti in via Cilea, diverse convocazioni in rappresentativa, massima disponibilità e grande spirito di sacrificio sono alcuni degli elementi che hanno caratterizzato il percorso biancoceleste della punta algherese, che ha sempre lavorato con impegno per farsi trovare pronto alla chiamata del campo. Quella in fase di preparazione sarà per lui la terza stagione in Interregionale vissuta con addosso la maglia del Sassari calcio Latte Dolce, la quarta da tesserato del club.

«Si , ormai questo è il mio quarto anno in forza al Sassari calcio Latte Dolce – spiega – e mi sono sempre trovato bene, nonostante siano cambiati tanti dei compagni di squadra avuti in queste quattro stagioni di calcio, visto che del gruppo di quando sono arrivato siamo rimasti davvero pochi. Il mister ha fatto una grande carriera da calciatore e ha tanto da insegnare, quindi sta a me cercare di assimilare quanto più possibile i suoi insegnamenti». «Sicuramente – prosegue – cercheremo di fare del nostro meglio per ottenere grandi risultati perché abbiamo tanto voglia di fare, di divertirci e di dare il 100% delle nostre potenzialità. Dovrò impegnarmi per ritagliarmi il mio spazio, dovrò lavorare molto per migliorarmi e dare il mio contributo alla squadra. Avrò sicuramente tanto da imparare. La scorsa stagione è stata molto travagliata con la salvezza raggiunta solo alla penultima giornata, ma è stata una stagione comunque importante dove ho
fatto esperienza e poi ogni campionato, soprattutto ai giovani, lascia qualcosa di prezioso a livello bagaglio calcistico». Prima di lui in settimana era stato riconfermato il difensore Giuseppe Daga, uno dei giovani veterani del gruppo biancoceleste, Prima di lui Gianmarco Marcangeli,

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro