Giro di Vallonia, tappa all’attacco per Fabio Aru

LA ROCHE-EN-ARDENNE. Fabio Aru in attesa di trovare al cento per cento la “gamba”, ha ritrovato il sorriso. Dopo gli attacchi nella seconda tappa, anche ieri il Cavaliere dei Quattro Mori è stato...

LA ROCHE-EN-ARDENNE. Fabio Aru in attesa di trovare al cento per cento la “gamba”, ha ritrovato il sorriso. Dopo gli attacchi nella seconda tappa, anche ieri il Cavaliere dei Quattro Mori è stato protagonista al Giro di Vallonia, con una serie di ripetuti attacchi sulle cotes che distinguono la corsa belga. E la gamba va sempre meglio, in vista della Vuelta.

Il capitano della Uae Emirates ha cercato la vittoria di tappa, ma nonostante i ripetuti allunghi non è riuscito a isolarsi. Così la terza frazione del Vallonia, 169 chilometri da Chimay a La Roche-en-Ardenne è stata vinta da Christian Eiking, norvegese della Wanty-Groupe Gobert. Lo scalatore di Villacidro dal suo canto è sempre stato con i migliori, tentando la mossa vincente a sette chilometri dall’arrivo, sul Cote du Pied Mont (2,6 chilometri al 3,8%) e andando forte anche in discesa. Una buona prova in un crescendo costante.

A regolare la volata degli inseguitori (tra i quali Aru), arrivati a sei secondi con il sardo 23°, è stato il belga Quinten Hermans (Telenet Fidea Lions) davanti al francese Lorrenzo Manzin (Vital Concept Cycling Club).

Tim
Wellens rimane in maglia gialla di leader della classifica generale, mentre Fabio Aru resta nella top ten in ottava posizione, sempre a dieci secondi di distacco del belga.

Oggi è in programma la quarta e penultima tappa Tappa, da Malmedy a Herstal, lunghezza161,4 km.

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro