Il Latte Dolce bolle Fresu: «Ho sensazioni molto positive»

Serie D. Il presidente: c’è feeling tra mister Udassi e i ragazzi L’allenatore: tanti stimoli, stagione importante per tutti

SASSARI. Due settimane di lavoro e un gruppo sempre più completo e compatto. Il Latte Dolce procede a passo sicuro verso la nuova stagione di serie D, con le buone indicazioni derivate dall'amichevole giocata con l'Arzachena alle spalle e un intenso programma tattico-atletico davanti, per andare verso il primo impegno ufficiale, l'esordio in Coppa Italia del 19 agosto. È già stata fissata una nuova gara, in calendario sabato contro l'Atletico Uri, e con le conferme del difensore Giuseppe Daga e dell'attaccante Luca Scognamillo, entrambi giovani algheresi col biancoceleste ormai sulla pelle, più il ritorno del fuori quota Federico Pireddu, l'organico assume un buon peso numerico e uno spessore qualitativamente consono alle difficoltà della quarta serie.

Le ambizioni non mancano e si proverà a far meglio dell'annata scorsa. «Ho sensazioni molto positive» dice il presidente Roberto Fresu, aggiungendo che «c'è stata subito empatia tra mister Udassi e i ragazzi. In tutti c’è gran voglia di far bene e lo dichiarano a gran voce, consapevoli che in questa stagione ci sarà davvero da sudare per conquistare un posto in squadra. Si è creato un bel feeling tra staff tecnico e calciatori, c'è massima disponibilità verso i nuovi sistemi di lavoro e lo spogliatoio è unito. In queste prime settimane di preparazione – conclude – abbiamo visto tanta applicazione ma anche disciplina, dedizione e forti motivazioni. Questo grazie al mister, che si sta dimostrando determinato, competente e con le idee chiare».

L'entusiasmo in casa biancoceleste è palpabile e le aspettative sono alte. Stefano Udassi è l'indiscusso punto di riferimento, dentro il campo e pure fuori, nel nuovo corso intrapreso dal Latte Dolce. «Stiamo preparando una stagione – commenta il tecnico – che sarà importante per tutti. I ragazzi stanno lavorando bene, gli stimoli sono tanti e c'è voglia di farsi trovare pronti alla sfida di una categoria complessa e affascinante al tempo stesso come la serie D. In questo momento l'obiettivo è trasformare il gruppo in squadra, ci stiamo lavorando e ci vuole pazienza, all'insegna del rispetto e di una mentalità ben precisa. Punto molto sull'unità dei giocatori, è la base su cui costruire gioco e risultati».

E ancora: «I più grandi di età sono chiamati a dare l'esempio ed essere da stimolo per migliorare – dice il mister – i giovani devono invece saper ascoltare e assorbire i consigli, per affinare la loro personalità e avere così il piglio giusto per affrontare ogni situazione. Sono soddisfatto, in tutti vedo grande disponibilità
perché hanno capito che confrontarsi e imparare è la strada giusta per fare bene e andare lontano».

Intanto la società comunica che l'attività della scuola calcio, che ha ottenuto il riconoscimento Figc nel segmento Elite, riprenderà il 3 settembre.

Sandra Usai

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro