Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Maran: "A Empoli non si è visto il vero Cagliari"

Rolando Maran

Il tecnico spiega la battuta d'arresto: "Una serata storta, guardiamo avanti"

EMPOLI. Ronaldo Maran parla di giornata storta e di un Cagliari che si è mostrato diverso dalle precedenti apparizioni per spiegare il brutto stop registrato a Empoli. "Non abbiamo fatto la partita che avremmo dovuto fare _ dice _. In questo mese e mezzo di preparazione avevamo inanellato una serie di prestazioni positive, siamo apparsi troppo diversi per essere veri: ci siamo allungati e abbiamo sbagliato tanto specie nel primo tempo, dando forza e fiducia all’Empoli. Una serata storta, da archiviare subito ma facendo tesoro dei nostri errori”.

“Avevamo preparato la partita sulla pressione per sorprendere l’Empoli _ aggiunge _, ma questo è accaduto raramente, siamo stati poco coordinati nei tempi. Quando cerchi di giocare palla al piede e fraseggiando, ti metti nelle condizioni di rischiare, come è capitato a noi, dato che abbiamo commesso molte imprecisioni dal punto di vista tecnico."

"Poi _ prosegue _ abbiamo perso un po' di riferimenti e questo non deve capitare, dobbiamo essere sempre squadra. Nonostante questo, abbiamo creato tanto, tirando spesso in porta. Abbiamo cercato di rimanere corti e compatti ma è mancata la lucidità e in questi casi finisci per concedere campo: l’Empoli si è fatto pericoloso solo su palle perse da noi. Per il Cagliari è stata una giornata poco felice, come è capitata ai nostri avversari domenica scorsa”.

“Mi dispiace per i tifosi che sono venuti in tanti per sostenerci _ conclude _. Avrei voluto ripagarli con una buona prestazione in campo, questa volta non ci siamo riusciti, ma sono sicuro che lo faremo nelle prossime partite. Il Cagliari vero non è quello visto ad Empoli: il Cagliari vero è solido, tosto, compatto. La partita di Empoli deve essere per noi una lezione e va usata per crescere. Ci metteremo subito al lavoro per ripartire”.