Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

L’atletica sarda riparte alla grande

Record cadetti di lancio del disco con Piras, Caredda nel triplo arriva a 14,64

SASSARI. Una buona ripartenza per l'atletica leggera sarda su pista con il nuovo record sardo cadetti con la misura di 45,59 realizzata da Francesco Piras (Dinamica Sardegna), due belle vittorie per Claudia Pinna nei 1500 e Camilla Pitzalis nei 400, le bella gara dei 100 metri donne con il ritorno al successo di Nadia Neri su Giulia Mannu, Paolo Caredda che nel triplo arriva a 14, 64, Elisa Pintus e Michele Mura che si impongono nel lancio del disco con buone misure e la cadetta Silvia Aru che vince negli 80 Hs e nel triplo segna un buon 10,93.

Questo il dettaglio delle prove tecnicamente più interessanti viste ieri allo Stadio dei Pini Tonino Siddi di Sassari, dove si è disputata la nona prova del circuito promozionale dell'atletica assoluta su pista Chellenge 4 Mori, manifestazione che segnava la ripresa dell'attività agonistica su pista isolana. A chiudere in bellezza la serata di gare è stato indubbiamente il promettente cadetto Francesco Piras, che ha ripetutamente migliorato il proprio primato sardo U16 di lancio del disco portandolo a 45,59 (precedente di 44,22 stabilito sempre a Sassari a luglio). Con l'attrezzo da Kg 1,5 Piras ha prima avvicinato la barriera dei 45 metri e poi chiuso con un lancio finale a 45,59 che lo conferma primatista sardo di categoria (oltre che detentore della miglior prestazione nazionale cadetti). Rimanendo nel settore lanci bella vittoria anche per Elisa Pintus (Cus Cagliari) e per Michele Mura (Pol.Gonone Dorgali) che hanno vinto la prova del disco con 41,58 e 40,46 (in questa gara bene anche il master M55 Marco Giacomini con 40,29 con disco da Kg 1,5). Da segnalare anche il 32,15 di disco dell'allieva Roberta Denti (Fiamma Macomer) e nel martello allievi il 39,75 per Cristina Lella (Guerrieri del Pavone). Nelle attese prove della velocità nei 100 metri (V0,0) ritoro alla vittoria per Nadia Neri (Cus Cagliari) . Con 12"05 ha preceduto la campionessa sarda Giulia Mannu (Delogu nu) e Francesca Collu (12"16 e 12"69). La Collu (Cus Cagliari) poi ha vinto i 200 (v + 0,6) con 26"45 precedendo Giorgia Silesu (Marrubiu, 27"31). Nelle due prove maschili doppio successo per Oliver Comoli (junior dell'Atl.Olbia) che nei 100 (+0,4) ha preceduto Christian Zucca con 11"58 contro 11"59 e nei 200 (+0,0) ha avuto la meglio sui due del Cus Sassari, Felipe Tommasini e Riccardo Fenu, classificati con 23"68 e 24"10.

Roberto Spezzigu