Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Il Budoni spreca, l’Aprilia lo punisce

Coppa Italia di serie D, la squadra gallurese eliminata dalla corazzata laziale

BUDONI. L’Aprilia passa il turno di coppa superando di misura un combattivo Budoni. I padroni di casa passati in vantaggio per primi non hanno comunque sfigurato davanti ad una delle squadre che faranno sicuramente la differenza nel campionato di serie D ed hanno anzi da recriminare per alcune decisioni arbitrali che li hanno penalizzati.

La formazione che Raffaele Cerbone presenta con il classico 4-3-3 soffre nei minuti iniziali la maggior pressione degli ospiti che hanno in squadra gente di caratura superiore come il difensore centrale Rosania e gli attaccanti Titone e Olivera. Poi pian piano prende in mano le redini del gioco e stringe gli avversari nella propria metà campo passando meritatamente in vantaggio al 28’ con una splendida punizione di Samuele Spano che non da scampo a Saglietti. Il fallo di Rosania sulla linea consente all’ex giocatore del San Teodoro di sfruttare appieno il suo destro, rasoterra angolatoche si infila all’angolino basso.

Gli ospiti accusano il colpo e rischiano il ko dopo due soli minuti, ancora Spano supera in velocità Luciani e serve Varela che poi smarca Varrucciu, gran tiro e palla fuori di poco. Al 35’ gli ospiti provano la conclusione con Sossai ma Trini non si fa sorprendere poi al 38’, su una veloce ripartenza avversaria è l’esterno Pantano ad anticipare Titone lanciato a rete. Al 40’ è ancora il Budoni a cercare la via della rete con Spano (tiro di poco alto) poi allo scadere a sorpresa il pari dell’Aprilia. Lancio per Titone e palla spizzata da Farris per un compagno, il rimpallo favorisce però ancora il giocatore laziale che sull’uscita di Trini lo infila con un tiro centrale. Dopo due minuti di recupero, l’arbitro manda tutti sotto la doccia.

Al rientro in campo, doppia occasione per Olivera che prova i rifessi di Trini. Al 51’ l’ex attaccante della Juventus, però non sbaglia servito da Titone, rapido scatto che gli concede lo spazio e dal limite dell’area, con un gran destro segna il raddoppio. Il Budoni si ributta in avanti e potrebbe pareggiare al 53’ ma il colpo di testa di Varrucciu sfiora la traversa. Nel finale, prima Spano viene fermato per un fuorigioco molto dubbio, poi è Raimo a sfiorare per due volte il palo con insidiosi calci piazzati. Vince l’Aprilia ma il Budoni ha dimostrato di essere una squadra davvero tosta. In serie D dirà la sua.

Sergio Secci