Vai alla pagina su Tutto Dinamo

Dinamo, Esposito raggiante: «Stiamo raccogliendo i frutti di tanto lavoro»

Il coach fa i complimenti alla squadra e guarda avanti. «Sono felice per i ragazzi, la strada è quella giusta»

BRESCIA. «Nell’ultimo periodo abbiamo preso un bel po’ di schiaffoni, sono felice che ora la squadra stia raccogliendo i frutti del lavoro». A fine gara Vincenzo Esposito ha il sorriso delle migliori occasioni. «Tenendo sempre i piedi per terra – dice il coach biancoblù – e senza fare voli pindarici, posso dire che siamo sulla strada giusta. Mi è piaciuta in particolare la serenità che abbiamo avuto anche quando Brescia ha provato a essere aggressiva e a tornare in partita. Quella tranquillità ci era mancata nella partita contro Varese. Sappiamo che gli errori fanno parte di una gara, perché tutte le squadre ne commettono, ma la qualità nel reagire agli errori è la cosa più importante che stiamo facendo in queste settimane. Andiamo avanti su questa strada, i conti si faranno alla fine».

Il blitz compiuto al PalaLeonessa riavvicina il Banco di Sardegna alla Final Eight. «Questa è una vittoria che vale. Non per fare il falso modesto, ma noi non abbiamo mai lavorato pensando all’obiettivo delle Final Eight: l’obiettivo nostro è crescere ogni giorno in palestra. Andiamo avanti per scadenze e chiaramente tra due partite ci sarà una scadenza importante, ma noi ragioniamo sempre sull’impegno successivo. Gli obiettivi dichiarati prima rischiano di essere un boomerang. Vogliamo continuare a crescere e giocare il meglio possibile. Non sono un grosso amante delle statistiche, ma sono soddisfatto ancora per gli assist e per il rapporto tra palle perse e recuperate. Quando stiamo dentro un certo range possiamo raccogliere certi frutti. Complimenti ai ragazzi».

La vittoria contro Brescia va in qualche modo a confermare quanto fatto contro Pesaro. «Sono strafelice per questa vittoria – conferma Esposito –, i miei giocatori nelle ultime settimane sapevano che non ci mancava tantissimo a migliorare. Stavamo lavorando tanto e i ragazzi soffrivano perché non riuscivamo a fare quel passo che serviva. Nelle ultime due partite, a livello di impatto sulla gara, abbiamo dimostrato

che stiamo iniziando a crescere. C’è ancora tanto da fare ma queste vittorie fuori casa ti fanno tornare in palestra il giorno dopo con la certezza che il percorso è quello giusto. Ci godiamo la vittoria ma dall’uno sera penseremo a una gara importante contro Trieste». (a.si.)

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller