Il Guspini batte il Tonara con un gol capolavoro

GUSPINI. La vittoria del cuore, del coraggio ma a tratti anche del bel gioco e della sofferenza. Un Guspini che potremmo chiamare di lotta e di governo quello visto al comunale contro il Tonara....

GUSPINI. La vittoria del cuore, del coraggio ma a tratti anche del bel gioco e della sofferenza. Un Guspini che potremmo chiamare di lotta e di governo quello visto al comunale contro il Tonara. Quello, per intenderci, che piace a Marco Piras decisamente felice e sorridente a fine gara.

Un Guspini, con il dente ancora avvelenato per la sconfitta di sette giorni fa a Bosa, che in alcuni momenti subisce ma stringe i denti, in altri delizia con alcune veloci triangolazioni. I tre meritati punti arrivano al termine di una gara difficile visto lo spessore del Tonara, sbloccata e “griffata” al quarto d’ora della ripresa da una prepotente conclusione di Stocchino su delizioso assist di D’Agostino.

Il Guspini c’è, tocca quota 30 in classifica e si accomoda in piena zona playoff. Il Tonara non ha demeritato: dignitosamente e senza ricorrere a tatticismi troppo esasperati ha giocato una gara a viso aperto, prudente ma anche pronto a eventuali ripartenze.

Marco Piras non ha che l’imbarazzo della scelta: in campo Luca e Bruno Floris, turno di riposo per Bodano e Ruggiero. Il resto è invariato con Damiano, Uccheddu e Rotaru a proteggere Pillitu, Cherchi, Marci e Vercelli a centrocampo, Stocchino e D’Agostino spine nel fianco della difesa ospite.

Nel Tonara grande il lavoro di capitan Pili onnipresente con Utzeri il più pericoloso dei suoi.

Il terreno di gioco piuttosto allentato condiziona fortemente l’incontro, buono sotto il profilo agonistico in sofferenza sotto quello tecnico. I biancorossi comandano fin dall’inizio si fanno apprezzare per alcuni insidiosi cross e veloci fraseggi in puro stile “tiki-taka” mai però finalizzati. Il Tonara nei primi 45’ si fa vivo allo scadere con un tiro di Pili che Pillitu blocca a terra.

Nella ripresa al 12’ Saias sfiora ma non colpisce e il Guspini due minuti più tardi passa con un gol capolavoro che nasce da una grande
intuizione di D’Agostino offerta su un piatto d’argento a Stocchino che da pochi passi “giustizia” Saraò con una micidiale bordata.

È il gol partita, il Tonara reagisce ma mai troppo pericolosamente mentre Tomasi nel finale sfiora il 2-0.

Gianni Vacca



TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

SCRIVERE: NARRATIVA, POESIA, SAGGI

Come trasformare un libro in un capolavoro