Vai alla pagina su Tutto Dinamo

McGee e Carter, la Dinamo è al completo

La società ufficializza l’arrivo del sostituto di Bamforth e annuncia la firma dell’esterno ex Pinar e Galatasaray

SASSARI. Ci sarà tanto lavoro da rifare, è vero, ma il materiale ora c’è tutto. All’indomani della tremenda mazzata della perdita di Scott Bamforth sino a fine stagione, la Dinamo non lascia ma raddoppia: con due mosse di rapidità sorprendente ieri la società biancoblù ha sistemato entrambi i “buchi” che si erano creati di recente nel roster: in mattinata è arrivata l’ufficializzazione dell’accordo con Tyrus McGee, anticipato ieri su queste colonne; nel tardo pomeriggio il club guidato da Stefano Sardara ha annunciato la firma di Justin Carter, guardia-ala americana di 193 centimetri per 91 chilogrammi, considerato un buon difensore e un ottimo atleta. Carter, classe 1987, che in Europa ha indossato tra le altre le maglie di Galatasaray, Pinar Karsiyaka, Bk Astana e per un breve periodo Chimki, è l’uomo designato per coprire il vuoto creatosi dopo il taglio di Terran Petteway. Sia McGee che Carter dovrebbero fare in tempo a debuttare con la canotta del Banco di Sardegna già domenica nel matinée contro la Grissin Bon Reggio Emilia.

Sardara fa la spesa. Per il Banco di Sardegna, che già era sul mercato alla ricerca di un sostituto per Terran Petteway, le priorità sono improvvisamente mutate. Con l’uscita di scena per tutta la stagione del suo uomo di maggior talento, ovvero Bamforth, la società guidata da Stefano Sardara ha dovuto stringere al massimo i tempi per trovare un sostituto. Dal cilindro è saltato fuori prima un pari ruolo di Bamforth ma con caratteristiche abbastanza differenti. McGee, che si è liberato proprio nei giorni scorsi dall’Afyon, è un giocatore pronto, che conosce alla perfezione il campionato italiano e che l’anno scorso a Pistoia ha avuto come allenatore Vincenzo Esposito. Un profilo perfetto per un club che si è trovato costretto a “forzare” il budget per cause di forza maggiore e che ha risolto il problema nello spazio di una domenica.

Nuovi equilibri. Tyrus McGee, classe 1991, è un giocatore di buona solidità e atletismo, alto 1,88 per 90 chilogrammi. Carter è un due-tre non altissimo (1,93) ma molto solido fisicamente e con una interessante propensione ad attaccare il ferro. Con questi due nuovi giocatori, almeno sulla carta, rispetto a Bamforth e Petteway i sassaresi dovrebbero perdere qualcosa a livello di talento puro (a livello di serie A la guardia di Albuquerque ha pochi rivali), ma dovrebbe guadagnarci in atletismo. Ma naturalmente il responso definitivo potrà darlo soltanto il campo, con alcune dinamiche, oltre ai minutaggi, che saranno necessariamente a variare rispetto a quanto visto sinora. Per coach Esposito sarà dunque fondamentale poter lavorare con il roster al completo il prima possibile.

Tyrus “l’italiano”. Dopo le esperienze iniziali in squadre di basso profilo dei campionati di Spagna e Germania, il prodotto di Iowa State ha giocato 10 gare con la maglia di Capo d’Orlando nella parte finale della stagione 2015-’15. L’anno successivo, con la Vanoli Cremona, ha giocato quella che dal punto di vista delle statistiche è stata la sua migliore stagione in Italia: 33 gare con una media di 22,5 minuti, 12,9 punti (58,1% da 2 e 45,4% da 3), 3,2 rimbalzi e 1,7 assist. Nel 2016-’17 il passaggio alla Reyer Venezia, con la quale ha vinto lo scudetto: gli archivi parlano di un 20,3 minuti di impiego medio, con 9,5 punti (49% da 2 e 38,7% da 3), e di un utilizzo che nel corso della stagione è andato assottigliandosi sino a trasformare McGee in un super specialista: non a caso nelle 13 gare dei playoff poi vinti dalla squadra di De Raffaele, il neo-biancoblù è stato impiegato 14,2 minuti di media, con 8,2 punti e percentuali al tiro altissime: 64,5% da 2, 56,3% da3 (18/32) e 92,9% dalla lunetta. Lo scorso anno a Pistoia ha avuto più spazio (27,5 minuti) e ha chiuso con 14,1 punti di media con 2,3 assist e 3,5 rimbalzi,
con un high stagionale di 29 punti realizzati proprio contro Venezia. Una curiosità: la sua migliore prestazione contro la Dinamo risale al 17 gennaio 2016, al PalaRadi di Cremona, con 16 punti segnati in 23’. Tre anni esatti più tardi, McGee è pronto a indossare la maglia del Banco.

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller