«Come Bartali e Coppi» Aru regala la bici al Papa

«Noi ciclisti uomini di fede. Andrà all’asta e il ricavato devoluto in beneficenza» Il dono del Cavaliere dei Quattro Mori ieri al termine dell’udienza in Vaticano 

CITTÀ DEL VATICANO. Il Cavaliere dei Quattro Mori ha il cuore grande, e unendo la sua devozione cristiana alla grande generosità ha trasformato un momento unico in un momento che per qualcun altro sarà indimenticabile, grazie a un gesto di solidarietà.

Lo scalatore di Villacidro, ieri mattina alla fine dell'udienza generale nell'Aula Paolo VI, ha donato la sua bicicletta Colnago a Papa Francesco «in modo che il ricavato dalla vendita all'asta, almeno novemila euro, sia destinato a un progetto di carità». Lo ha detto lo stesso ciclista all'Osservatore Romano, quotidiano del Vaticano.

«Sono venuto a Roma con i miei genitori e mio fratello - confida il capitano della Uae Emirates - perché siamo una famiglia credente e fondiamo sulla fede la nostra vita e anche il nostro lavoro».

Non usa giri di parole, Fabio Aru, per raccontare la sua «spiritualità che è profondamente radicata nella storia e nella cultura della gente di Sardegna, a cui sono molto legato». Oltretutto, fa notare, «il ciclismo, proprio in quanto sport popolare, ha da sempre una dimensione di fede molto forte: Gino Bartali anzitutto, ma anche lo stesso Fausto Coppi e soprattutto Fiorenzo Magni e poi via via molti miei colleghi di ieri e di oggi si riconoscono nei valori della vita cristiana».

Fabio Aru sta proseguendo gli allenamenti in vista del primo momento chiave della sua stagione, il Giro d’Italia, al via ai primi di maggio. Dopo la partecipazione alla Vuelta Mallorca,
disputerà la Vuelta Algarve in Portogallo dal 20 al 24 febbraio e il Giro di Catalogna in Spagna dal 25 al 31 marzo. Poi la Corsa Rosa, che lo vedrà in cerca di riscatto dopo il ritiro nella scorsa edizione, fra i principali protagonisti insieme all’amico ora avversario Vincenzo Nibali.

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller