Vai alla pagina su Cagliari calcio
Dopo l’esordio di Doratiotto salgono a settantasette i sardi in A

Cagliari

la curiosità 

Dopo l’esordio di Doratiotto salgono a settantasette i sardi in A

I primi due negli anni '40: gli attaccanti Pietro Carta di Bosa e Renato Raccis di Mandas

CAGLIARI. Con l’esordio di Riccardo Doratiotto e Francesco Verde, il Cagliari rimette mano finalmente al suo settore giovanile che, in questi anni sta regalando moltissime soddisfazioni. Proprio Riccardo Doratiotto, classe 1999, cagliaritano doc, dà l’opportunità di fare una carrellata sui sardi che hanno avuto l’onore di giocare nella massima serie.

Il ragazzino del vivaio cagliaritano è infatti il 77° isolano a calcare il palcoscenico più prestigioso del calcio italiano, di questi poco meno di un terzo (24 in totale), sono nati nel capoluogo della Sardegna.

Ma per trovare i primi due sardi che hanno giocato nella massima serie bisogna tornare indietro agli anni precedenti la seconda guerra mondiale. Il primo in assoluto fu Pietro Carta, un calciatore nato a Bosa il 30 dicembre 2018. Andò via con i genitori nella penisola quando era ancora bambino. Poi la carriera da calciatore nel Manfredonia nel Pescara prima di approdare in serie A al Livorno in serie dove giocò 13 partite segnando 3 gol nel campionato 1940-41. Il suo esordio è datato 6 ottobre 1940. Altra curiosità sul primo sardo in serie A è che Carta per sfuggire alla chiamta in guerra si fece frate francescano.

Subito dopo ecco Renato Raccis di Mandas, classe 1922. Raccis è stato attaccante in A prima nel Livorno nel 1942-43, sfiorando addirittura lo scudetto andato al grande Torino, poi al Milan segnando in totale.

Dopo questi primi campioni, la Sardegna ha visto scendee in campo due galluresi, Gustavo Giagnoni di Olbia e Marcello Diomedi di Calangianus, prima dell’epoca d’oro del Cagliari calcio, inaugurata con l’avvento dei rossoblù in serie A nella stagione 1964-5. E qui entriamo nella storia del Cagliari e dei calciatori sardi che inizia a intersecarsi. Il primo sardo a vestire la casacca rossoblù nella massima serie fu Mario Tiddia di Sarroch, proprio nel 1964. E alla stagione d’esordio del Cagliari in A risale anche la prima partita in serie A del primo calciatore nato nel capoluogo, Tonino Congiu, l’idolo dell’Amsicora prima dell’avvento di Gigi Riva, che giocò una partita, sufficiente a consegnarlo alla storia.

A seguire tanti calciatori hanno seguito questi precursori, come Antonello Cuccureddu, Gianfranco Matteoli, Gianfranco Zola che giocò in A e, in tempi recenti Niccolò Barella e Nicola Murru.
Il sardo che ha giocato più partite in A con il Cagliari è stato Andrea Cossu di Cagliari con 256 presenze seguito da Francesco Pisano di Selargius con 231. L’attaccante più prolifico è stato invece Marco Sau di Tonara con 35 reti seguito da Gigi Piras, anche lui di Selargius, con 31.

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community