Olbia, l’ostacolo Pisa sulla strada dei playoff

Serie C, domani i galluresi ospitano una delle migliori formazioni del torneo Il ds Carta: «Non guardiamo la classifica, l’importante è dare sempre il massimo»

OLBIA. Tocca rispolverare la celebre massima di Vujadin Boskov, «Partita finisce quando arbitro fischia». Sì, perché quasi senza accorgersene l’Olbia si ritrova di nuovo a ragionare in ottica playoff. Chi l’avrebbe pensato quando, mesi fa, la forbice si era allargata in maniera incredibile, con i bianchi che, semmai, lottavano sul filo della zona rossa. Le sempre più ottime prestazioni dei bianchi degli ultimi due mesi avevano caricato l’ambiente di positività, certo le due sconfitte di fila con Arezzo e Arzachena un po’ di amaro lo hanno portato. Ma ora, con la partita di Pisa alle porte e la vittoria ottenuta nello scorso turno in trasferta con il Gozzano, nuovi stimoli rilanciano l'Olbia.

D’altronde, il mantra di Filippi, del direttore sportivo Carta e del presidente Marino è sempre stato: «Non guardiamo la classifica». La solita storia che i conti si fanno alla fine e i bilanci a stagione in corso non valgono. Ma bisogna pur ammettere che non sono stati mesi felici per la società gallurese. Ma un po’ di ottimismo, dando una sbirciata ai punti, sembra essere comparso. Lo si deduce anche dallo stesso Ds, intervenuto dopo l’ultima partita. «Una vittoria che volevamo fortemente e che per noi assume un significato davvero speciale. Questa squadra dimostra coi fatti di non essere composta da titolari e riserve prestabiliti – ha dichiarato – ma sulla questione-classifica dobbiamo pensare a cercare la migliore prestazione possibile in ogni gara che ci resta, ora non dobbiamo guardare dietro o davanti a noi».

Per quanto riguarda il campionato, davanti all’Olbia c’è la sfida casalinga di domani contro il Pisa. I toscani rappresentano una delle squadre migliori del torneo, e arriveranno in Gallura con il dente avvelenato. Colpa della beffa subita in Coppa Italia mercoledì, contro la Viterbese. I nerazzurri erano avanti per 2-1 e la vittoria sembrava già cosa fatta. Incredibilmente però, nel giro di pochissimi minuti, i laziali hanno ribaltato il risultato e rispedito fuori dalla competizione il Pisa. In campionato, invece, la settimana scorsa è arrivato lo 0-0 con la Lucchese. Avversario che tirerà fuori gli artigli, ma allo stesso tempo il messaggio è che no, non è imbattibile. D’altronde nelle ultime settimane l’Olbia lo aveva già fatto capire. Entella e Carrarese, ad esempio, lo sanno bene. La squadra sta bene, in settimana è tornata ad allenarsi al campo della Basa e ad oggi sono
tutti a disposizione. Oggi Michele Filippi parlerà nella conferenza della vigilia. Il Pontedera, decimo in classifica e che occupa quindi l’ultima casella disponibile per i playoff, è a quota 36 punti. L’Olbia a 31. Mancano all’appello 8 turni alla conclusione. Provarci è più che lecito.

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller