Mancini rilancia l’Italia «Ora le gare che contano»

Sabato a Firenze contro la Finlandia il primo match sulla strada degli Europei Tanti giovani con Barella, Cragno e Pavoletti: «Ho una squadra che gioca a calcio»

FIRENZE. 14.000 biglietti già venduti, curve esaurite, l'attesa che cresce per l'Italia di Roberto Mancini che sabato a Udine con la Finlandia comincerà il viaggio verso gli Europei 2020. A quasi un anno dall'approdo sulla panchina azzurra il ct non si nasconde: «Ora le partite conteranno di più e ci sarà maggiore pressione ma vedo entusiasmo e ragazzi che si divertono, sono fiducioso. L'obiettivo è cercare di fare qualcosa di diverso: vincere divertendo».

Per il raduno iniziato ieri a Coverciano ha convocato 29 giocatori di cui 10 attaccanti: ci sono il 36ienne Quagliarella e il 2000 Kean, mancano per infortunio Insigne e per scelta tecnica Balotelli e Belotti. Ci sono i cagliaritani Barella, Cragno e Pavoletti. «Ne ho chiamati tanti, qualcuno per conoscerlo meglio. E poi stiamo cercando di proporre un calcio offensivo. Le esclusioni? Il bello della Nazionale è che tutti discutono, rispetto ma poi le scelte le faccio io. Belotti può fare molto meglio e come tanti altri che ora non ci sono può tornare qui». Lo stesso, ha fatto capire Mancini, vale per Balotelli: «Se la sua esclusione è legata a motivi tecnici o anche comportamentali? Mario non è ancora nelle condizioni ottimali per poter giocare in Nazionale. Da lui ci aspettiamo tanto, ha 29 anni e una certa esperienza, per tornare qui deve dare il massimo e serve ancora un pò di tempo».

Sta invece bruciando le tappe lo juventino Kean che qualcuno definisce il nuovo Balotelli: «Se questo è il peggior augurio per lui? Mario alla sua età giocava e segnava in A, speriamo che Moise parta come lui e prosegua bene». Il ct dedica parole al miele per Jorginho e Verratti: «Il primo sta facendo bene nonostante il momento delicato del Chelsea ed è così anche per Marco, un giocatore straordinario. Possono crescere ancora ma già ora stanno facendo un ottimo lavoro e io mi reputo fortunato perché posso schierarli insieme e perché ho trovato centrocampisti di grande qualità e in generale giocatori versatili e bravi
tecnicamente e tatticamente: ciò mi ha aiutato a costruire una squadra capace di giocare a calcio».Chiusura sulla Finlandia: «Partita tosta ma vogliamo vincere. Dai miei mi aspetto la stessa voglia mostrata nelle ultime gare: dovremo saper difendere ma prima ancora proporre bel gioco».

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller