Vai alla pagina su Cagliari calcio
$alttext

Cagliari

Cagliari attento al Chievo è un cliente pericoloso

I rossoblù decisi a sfatare il tabù “Bentegodi”. Thereau sostituirà Pavoletti

CAGLIARI. Attento Cagliari, il Chievo non farà regali. Se poi si va a vedere lo score delle gare giocate dai rossoblù al “Bentegodi” c’è da avere paura. La squadra di Maran, però, è decisa a modificare il trend in trasferta. Deve farlo perchè la salvezza non può essere legata solo ai risultati in casa. Il rischio è quello di non tirarsi mai fuori dai guai e restare appesi ad un filo. Con l’aggravante che basta sbagliare una gara alla “Sardegna Arena” per vedere l’inferno da vicino. Bisogna ripartire dalla prestazione con la Fiorentina. Agrressività, pressing, ripartenze, inserimenti negli spazi: queste le armi per mettere un difficoltà un Chievo che Di Carlo ha rimesso in vita, nonostante la retrocessione dei veneti sia ormai certa, anche se non ancora matematica. Guai a prendere questa sfida alla leggera, perchè ripetere l’errore fatto col Bologna sarebbe come farsi un autogol.

Scelte. La formazione Maran la tiene dentro il cilindro. Probabile qualche cambio rispetto al match con la Viola. Intanto non ci sarà Pavoletti (squalificato) e il più accreditato per prendere il suo posto è Thereau, considerato che sia Despodov che Cerri non sono al top avendo appena recuperato da un infortunio. La fascia sinistra verrà sicuramente riconsegnata a Pellegrini. Resta un dubbio a centrocampo: Padoin o Faragò a completare la “terna” con Cigarini e Ionita. Dipenderà da che tipo di partita intende impostare Maran.

Gli avversari. Di Carlo incita i suoi e dice: «È una partita da vincere assolutamente». Non pè una frase da sottovalutare. Anzi, è la conferma che i clivensi saranno battaglieri, decisi a dare tutto per regalare una piccola soddisfazione ai proppri tifosi. Giaccherini dietro le punte è una scelta scontata, ma la coppia d’attacco potrebbe essere Pellissier e Meggiorini o Stepinski. Una decisione che Di Carlo farà solo all’ultimo momento. Gli inserimenti del “Giac” saranno da tenere d’occhio, perchè a Bergamo le sue giocate hanno messo a soqquadro in più occasioni la difesa dell’Atalanta.

L’arbitro. Sono nove complessivamentge i precedenti del Cagliari con l’arbitro Abisso doi Palermo. Quattro in serie B con tre vittorie e un pareggio e cinque nella massima serie con questo score: una vittoria (contro il Milan nell’ultima gara giocata allo stadio Sant’Elia), un pareggio (sempre contro i
rossoneri) e tre sconfitte: Bologna, Napoli e Sampdoria. L’Intenzione dei rossoblù è quella di migliorare la casella dei successi in serie A. Se succedesse, sarebbe come prendere due piccioni con una fava, perchè verrebbe sfatato anche il tabù “Bentegodi”.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community