I gol di Siazzu regalano la promozione al Torpè

Il “vecchio” bomber trascina la squadra del suo paese in Prima categoria per la prima volta

TORPÈ. Storico traguardo per l’unione sportiva Torpè che, a cinque giornate dalla fine del campionato, ottiene il lasciapassare per la Prima categoria. Nei suoi 45 anni di storia è la prima volta che la formazione baroniese riesce a vincere un campionato, un obbiettivo solo sfiorato negli ultimi due anni. Questa volta, però, il presidente Fabio Pala e i tanti dirigenti sono riusciti a mettere in piedi una squadra davvero competitiva con tanti giocatori di valore, guidati in panchina da Alessandro Crisci.

Grazie ai bomber dei fratelli Gianluca e Stefano Siazzu (38 il primo e 20 il secondo), i gialloblù hanno scavato un solco profondo sulle inseguitrici. Basti pensare che la seconda, il Bottida, si trova 17 lunghezze sotto. Per la festa della promozione, arrivata domenica scorsa con il rotondo successo sull’Orani, si è mobilitato tutto il paese con oltre 300 spettatori sugli spalti ed un tifo incessante per tutta la gara. Ad agosto, quando il direttore sportivo Gianni Pilosu è riuscito a far firmare il tesseramento a Gian Luca Siazzu, bomber che ha conosciuto i fasti della serie C e D, a Daniele Pilosu, Salvatore Gallo e tanti altri giocatori locali che sino allo scorso anno militavano nelle squadre del circondario, in tanti hanno pensato che il Torpè potesse davvero recitare un ruolo da protagonista e così è stato. Dall’inizio alla fine è stato un cammino travolgente con 20 vittorie, 2 pareggi e una sola sconfitta in casa contro il Supramonte.

Il presidente Fabio Pala, che ha festeggiato sino a notte fonda, ringrazia tutti coloro che hanno contribuito a raggiungere questo traguardo, a partire dai tifosi che non hanno mai fatto mancare il loro sostegno anche in trasferta. Poi gli sponsor che hanno sostenuto il progetto, e l’amministrazione comunale che a breve inaugurerà i lavori per la posa in opera del manto in sintetico che sarà pronto per lo storico l’esordio in prima categoria. Dopo la sbornia dei festeggiamenti a cinque giornate dalla fine del torneo, c'è comunque da onorare
nel migliore dei modi gli impegni e i giocatori faranno di tutto per proseguire la striscia positiva anche se per il mister ci sarà la possibilità di vedere all'opera alcuni giovani di valore tra cui scegliere il fuoriquota obbligatorio nel torneo superiore.

Sergio Secci

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community