La Juventus nel cuore e Allan come esempio

Samuele Saggia, mediano (18 anni), è la rivelazione del Porto Rotondo «Ho due obiettivi, il diploma allo scientifico e ottenere la salvezza»

OLBIA. E’ stato il cannoniere della rappresentativa sarda Juniores al Torneo delle Regioni con due gol, gli stessi che ha segnato in campionato con la maglia del Porto Rotondo. Samuele Saggia, centrocampista centrale del 2000 è una delle piacevoli sorprese dei fuoriquota che il mister olbiese Simone Marini ha utilizzato in questa stagione: 31 partite giocate e due gol non sono passati inosservati al selezionatore della rappresentativa sarda che gli ha affidato il centrocampo di una squadra che ha passato il primo turno per poi essere eliminata dalla Lombardia. La stagione di Samuele Saggia e del Porto Rotondo non è ancora finita, visto che domenica ci sarà lo spareggio contro lo Stintino.

«Ci giochiamo tutto - le parole di Samuele Saggia-. SE vinciamo, andremo a Tonara per conquistare quella salvezza che è il nostro obiettivo. Sapevamo che sarebbe stato un campionato in cui dovevamo pensare a salvarci, purtroppo siamo arrivati all’ultima giornata troppo scarichi. Se vincevamo la gara contro l’ Atletico Uri avremo giocato il playout in casa col Tonara e invece così per conquistare la permanenza dobbiamo vincere due partite, una in campo neutro e l’altra in casa del Tonara. Sono fiducioso».

Si aspettava una stagione così positiva?

«Sapevo che il mister aveva fiducia in me, ma ho giocato più di quanto mi sarei immaginato, visto che ho saltato una sola gara, andando in gol contro la Nuorese nel girone di andata e contro il San Teodoro in uno spettacolare 5-4 disputato il mese scorso. Al Torneo delle Regioni ho giocato in una posizione più avanzata di quella che occupo in campionato ed è stata una bella esperienza con due gol personali segnati. Nonostante una squadra competitiva siamo usciti per opera della Lombardia nella prima ad eliminazione diretta».

Oltre al calcio, come trascorre le giornate?

«Sto frequentando il quinto anno del liceo scientifico a Olbia. Sosterrà tra poco l’esame di maturità. A diplomarmi ci tengo tantissimo. Studio e pratico calcio e quando ho qualche attimo libero mi piace uscire con gli amici. Sono un tifoso della
Juventus e sabato ho festeggiato l’ottavo scudetto consecutivo, nonostante l’eliminazione dalla Champions penso che la stagione sia stata positiva. Il giocatore a cui mi ispiro è Allan del Napoli: quanto mi piacerebbe in un prossimo futuro indossasse i colori bianconeri». (re.sp.)

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

SCRIVERE: NARRATIVA, POESIA, SAGGI

Come trasformare un libro in un capolavoro