Il Latte Dolce scalpita e dalle parole vuole passare ai fatti

Serie D. Il capitano Cabeccia: «Ripartiamo da buone basi» Il bomber Nino Pinna: «Mi aspetto una bella avventura»

SASSARI. Si è chiusa con profitto la terza settimana di preparazione al campionato del Latte Dolce, tornato a casa sul sintetico del quartiere dopo la prima fase di lavoro svolta in Anglona. Cresce l'affiatamento nel gruppo, si perfeziona l'aspetto tecnico-tattico e si va verso una buona condizione atletica, tra entusiasmo e voglia di ricominciare a lottare sul campo per i 3 punti o per il passaggio del turno nel caso della Coppa Italia, che per i biancocelesti prende il via il 25 agosto. «Le impressioni sono positive – afferma il capitano Marco Cabeccia –. Siamo ripartiti da buone basi grazie al lavoro fatto nella scorsa stagione: impegno, dedizione e spirito di sacrifico sono i cardini della cultura sportiva che muove la società e si rispecchiano nella squadra. Sono arrivati nuovi e bravi giocatori, sia esperti sia giovani, ma l'arma in più è l'aver dato fiducia a gran parte del gruppo che ha fatto grandi cose nell'ultima annata. Ma adesso è il momento del parlare poco e del fare tanto».

L'entusiasmo dei “vecchi” biancocelesti ha subito contagiato i nuovi e anche Giuseppe Nuvoli ha voglia di ricominciare a lottare nel suo terreno prediletto, il centrocampo. «Corriamo a grandi passi verso l'inizio di una nuova stagione, ma senza forzare, anche se tutti già fremiamo in attesa del primo fischio d'inizio ufficiale. Nessun problema d'integrazione per noi nuovi, i giovani ascoltano con attenzione e mettono in pratica i consigli dei più esperti. Andiamo avanti così, divertendoci e preparandoci ad affrontare al meglio le grandi sfide che ci attendono».

Tra i più contenti c'è il baby bomber Nino Pinna. «Ho iniziato da poche settimane questo nuovo percorso e mi trovo molto bene. Mi piace proprio tutto di quello che facciamo e come lo facciamo, mi aspetto una bella avventura». Anche il giovane esterno Federico Pireddu esprime soddisfazione per come si è incanalata questa preparazione. «Siamo partiti al massimo, concentrati e determinati per
farci trovare subiti pronti ai primi appuntamenti. Il gruppo è unito e in sintonia con mister Udassi. I nuovi si sono ambientati bene e stanno assimilando le idee di gioco, la strada è quella giusta: testa bassa e pedalare. Il momento di passare dalla parole ai fatti si sta avvicinando».

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community