Nuoro e le sassaresi preparano la serie A tra sogni e bisogni

Tre formazioni giovani ma al top nella pallamano femminile Per l’Hac il grande problema economico delle trasferte

SASSARI. Anche la pallamano femminile muove i primi passi verso la nuova stagione che vedrà l’ Hac Nuoro impegnata nella A1 e le sassaresi Lions e Sardegna cimentarsi in A2. Tutte e tre le società sono alle prese con i soliti problemi estivi: il completamento del roster da mettere a disposizione del tecnico, l’organizzazione logistica per la preparazione precampionato e soprattutto il reperimento di fondi per affrontare dei campionati impegnativi.

Nuoro è la più preoccupata per il capitolo trasferte. «Crediamo di offrire una bella immagine della Nuoro sportiva – afferma Roberto Deiana, deus ex machina della compagine barbaricina– da anni cerchiamo di essere prima di tutto un riferimento a livello educativo per le tantissime ragazze che si affacciano alla pratica sportiva. Con le nostre forze abbiamo raggiunto traguardi importanti, come testimoniato dalle cinque finali playoff ottenute nel 2018/19. Per far fronte a queste spese saranno necessari almeno 80mila euro. Una cifra non indifferente per una realtà comunque piccola come la nostra».

La rosa sarà giovanissima e composta in prevalenza da ragazze del vivaio, ma è probabile che possa arrivare anche qualche rinforzo.

Anche in casa Lions fervono i preparativi per la nuova stagione che vedrà Zucchi Pastor dedicarsi definitivamente ed esclusivamente alla guida tecnica. «Sarà una rosa molto diversa dallo scorso campionato. Lo zoccolo duro saranno le ragazze del nostro settore giovanile, tutte under 18, e verranno aiutate a crescere sia in campo che fuori dalle veterane Laura Profili, Luana Morreale, Ilenia Contini e Cinzia Canova». Ma c’è spazio anche per un nuova, il terzino Giulia Di Bona che può dare alla squadra un buon contributo sia in difesa che in attacco e che può diventare il punto di riferimento in campo.

La Sardegna Team si affiderà anche quest’anno alle sapienti mani di Barbara Tetti, icona della pallamano isolana. «Siamo un cantiere aperto, stiamo costruendo una squadra
giovane con l’inserimento di qualche nuova atleta. L’obbiettivo è fare crescere il gruppo giovanissime e partire meglio degli altri anni. Sarà un campionato diverso, con Dossobuono e Brescia appena retrocesse dall’A1, quindi il livello sarà sicuramente superiore rispetto al passato».

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community