è morto a 83 anni

Addio a Gato Barbieri, mago latino del sax

ROMA. Nonostante gli acciacchi dell’età e il cuore malato, suonava ancora in questi anni, applaudito dai tanti fan in scena al Blue Note, a New York che ormai era la sua casa, Leonardo Barbieri,...

ROMA. Nonostante gli acciacchi dell’età e il cuore malato, suonava ancora in questi anni, applaudito dai tanti fan in scena al Blue Note, a New York che ormai era la sua casa, Leonardo Barbieri, “Gato” come lo chiamavano tutti fin dagli anni Cinquanta quando giovanissimo nella sua Buenos Aires saltava come un gatto da un club all’altro, da un’esibizione all’altra con il suo sax latino capace di parlare alla testa e al cuore e di turbare gli animi come nella colonna sonora dell’“Ultimo Tango” di Bertolucci, quella che gli valse nel 1972 un meritatissimo Grammy. Morto ieri a 83 anni, argentino di Rosario, figlio di un carpentiere con la passione del violino, El Gato da poco era stato operato per un by pass al cuore. Una bronchite gli è stata fatale. Ma la vita è stata generosa con lui, la musica che ha seguito e onorato instancabile lo ha ripagato con un successo che dagli anni Sessanta in poi non lo ha mai lasciato, 35 dischi e incontri musicali importanti, collaborazioni con tutti i grandi nomi, da Carlos Santana a Miles Davis, solo per citarne due, in Italia con Pino Daniele e Antonello Venditti. Indipendente e appassionato, il cappellaccio a falde nero sempre in testa di palco in palco, Barbieri aveva girato il mondo, arrivando a Roma negli anni Sessanta con Laura, la prima moglie. Suo, per esempio, è l'assolo

di Sapore di Sale di Gino Paoli, arrangiato da Ennio Morricone. Ma in Italia aveva suonato anche con Dan Cherry e lavorato parecchio anche per il grande cinema, con Bertolucci, Montaldo, Pasolini. Ed è proprio con il cinema, grazie a “Ultimo Tango”, che arriva per lui la notorietà mondiale.

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community