Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

“Bianco di Babbudoiu” vince negli Stati Uniti

SASSARI. Il “Bianco di Babbudoiu” continua a ubriacare. Il film di Pino e gli Anticorpi con Caterina Murino, diretto da Igor Biddau, girato in Sardegna (per la maggior parte ad Alghero e Sassari),...

SASSARI. Il “Bianco di Babbudoiu” continua a ubriacare. Il film di Pino e gli Anticorpi con Caterina Murino, diretto da Igor Biddau, girato in Sardegna (per la maggior parte ad Alghero e Sassari), dopo aver trionfato al Russia-Italia Film Festival”, è stato premiato anche a Los Angeles all’interno della Cine Festa Italia di Santa Fe e Los Angeles. La California, evidentemente, porta fortuna ai fratelli Stefano e Michele Manca che già avevano visto “Bianco di Babbudoiu” premiato come miglior film straniero al “Los Angeles Indipendent Film Festival”.

A distanza di tre anni dall’uscita del lavoro, che in Sardegna aveva riscosso grande successo ma nelle sale italiane non aveva avuto altrettanta fortuna, il film prodotto dalla Lucky Red in collaborazione con la Sardegna Film Commission continua a rivelarsi un ottimo “prodotto da esportazione”, con i suoi panorami mozzafiato e gli scorci particolari che un film girato in Sardegna può dare. Al film, il primo del duo comico sassarese che per l’occasione avevano recuperato nella formazione il loro storico compagno Roberto Fara, aveva partecipato inoltre Benito Urgu con un divertentissimo cameo. Le scene erano state girate per la maggior parte nelle Tenute Delogu di Alghero, ma uno dei momenti clou della storia aveva avuto come splendido palcoscenico quello del Palazzo di Città di Sassari, trasformato per l’occasione in una vera e propria bomboniera. E anche Usini aveva fatto la sua parte, con due divertentissimi sketch girati nella piazza principale del paese e all’interno di un bar.

Tanta Sardegna, insomma, con gli attori e il territorio, che questo film dalla trama piuttosto semplice ha saputo esportare trasformandosi, come nel progetto, nell’ennesimo testimonial della nostra isola.