Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

«Nel mondo troppi bambini non sono vaccinati»

Quasi 20 milioni di bambini nel mondo non hanno le vaccinazioni di base, e il problema riguarda anche l’Europa, dove ancora un bimbo su 21 non è protetto contro tre malattie ancora molto pericolose...

Quasi 20 milioni di bambini nel mondo non hanno le vaccinazioni di base, e il problema riguarda anche l’Europa, dove ancora un bimbo su 21 non è protetto contro tre malattie ancora molto pericolose come tetano, pertosse e difterite. Lo ricorda l’Oms, il cui ufficio europeo ha organizzato la “European immunization week” dal 23 al 29 aprile.

«Per aiutare a colmare i gap che ancora rimangono – scrive l’Oms – la settimana si concentrerà sull’immunizzazione come diritto individuale ma anche responsabilità condivisa. I vaccini danno protezione individuale contro malattie pericolose, ma i benefici non si fermano qui. Quando tutti i membri di una comunità che ne hanno i requisiti sono protetti non ci sono persone suscettibili che possono sostenere la trasmissione di malattie contagiose. Insieme proteggono quelli che sono più vulnerabili, inclusi i bambini. Ogni persona ha il diritto di essere immunizzata e ha la responsabilità sociale di proteggere quelli che non possono proteggersi da soli».

L’iniziativa celebra anche diversi successi ottenuti in questi anni. I casi di morbillo sono calati dell’84% tra il 2000 e il 2016, e la polio, che nel 1988 era endemica in 125 paesi, ora lo è solo in 3, con appena 22 casi in tutto il 2017.