Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Il culto celebrato da rabdomanti e artisti

Oggi e domani (26-27 maggio) si svolgerà a Villanovaforru il secondo Festival del Culto dell’Acqua. In programma mostre, proiezioni di documentari, convegni e laboratori. Rabdomanti, artisti e...

Oggi e domani (26-27 maggio) si svolgerà a Villanovaforru il secondo Festival del Culto dell’Acqua. In programma mostre, proiezioni di documentari, convegni e laboratori. Rabdomanti, artisti e artigiani lavoreranno con l’acqua nei siti sparsi sul territorio. Dalle 9.30 sarà possibile visitare le mostre sull’acqua mentre si svolgeranno i laboratori con le scuole e si potrà andare a spasso con il rabdomante. Tra le mostre “Il culto dell’acqua in Sardegna” a cura di Francesca Idda e “L’acqua come elemento purificatore: la capanna sudorativa” a cura di Giacomo Paglietti e Mauro Podda. Alle 18 convegno “Il culto dell’acqua” con Elio Sermoneta. Alle 20 visita guidata alle installazioni degli artisti con percorso dei panni. Domani alle 6 Aureum Stagnum: performance elettro-acustica per percussioni trombone ad acqua con Federico Fenu e Alessandro Cau (Località Genna Maria).

Alle 11.30 meditazione guidata sull’acqua a cura di Nadia Cois (Funtana Janus). Alle 19.30: Aquamebi, la storia millenaria della sapa sarda di miele con degustazione guidata. Ore 21.30 concerto di Chiara Effe, Cristina Verardo e Daniele Vitali (Sala Mostre, Vico Costituzione, 3).