Addio al buon samaritano della parola

Ieri i funerali di Paolo Pillonca, Piero Marras ha cantato “Flores de mendula”

SEUI. «Paolo, un buon samaritano della parola». È stato il parroco di San Sperate don Mario Cugusi a definire così Paolo Pillonca, davanti alla folla riunita ieri sera nella chiesa parrocchiale Santa Maria Maddalena per l’ultimo saluto al grande giornalista. A concelebrare la funzione religiosa con don Cugusi (voluto dalla stesso Pillonca quando ormai aveva capito che il suo viaggio terreno stava per finire) c’erano anche don Giuseppe Sanna, parroco di Seui, e don Francesco Mariani, parroco di San Giuseppe a Nuoro. In molti hanno preso parola davanti alla bara avvolta dalla bandiera dei Quattro mori con sopra un cuscino di rose rosse. Il cantante Piero Marras ha intonato “Flores de mendula”, scritta da Pillonca. La banda musicale ha poi accompagnato il corteo fino al cimitero mentre
gli amici hanno portato in spalla la bara. Nelle stesse ore a Roma al circolo dei sardi Il Gremio Laura Pisano, docente di Storia del giornalismo all’università di Cagliari, ha letto l’articolo al pubblico l’articolo di Giacomo Mameli su Pillonca pubblicato ieri dalla Nuova Sardegna.

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro