Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Crime-story e noir, al via il festival

Trame complicate e calici generosi: tra loro è sempre stato amore a prima vista. Basta chiedere ai detective più famosi della letteratura gialla e noir. Da Pepe Carvalho a Maigret, da Philip Marlowe...

Trame complicate e calici generosi: tra loro è sempre stato amore a prima vista. Basta chiedere ai detective più famosi della letteratura gialla e noir. Da Pepe Carvalho a Maigret, da Philip Marlowe all’Alligatore. Tutti inclini a cercare nel bicchiere un aiuto, un’ispirazione per i casi più spinosi. O una consolazione alle pene del cuore. In linea con i canoni della crime-story, inizia con un aperitivo a chilometro zero anche la nona edizione di “Florinas in Giallo. L’isola dei misteri”, questo sabato alle 21 in largo Brigata Sassari. In alto i calici – impreziositi dai vini delle Tenute Soletta di Codrongianos – per dare il benvenuto a Paola Barbato e Pasquale Ruju, i primi ospiti del festival che fino al 30 settembre tingerà di giallo le strade di Florinas. Paola Barbato e Pasquale Ruju sono sceneggiatori di fumetti di successo – tra i quali Dylan Dog – per le edizioni Sergio Bonelli e autori di libri molto apprezzati dagli appassionati di noir. Sabato arrivano al festival con due romanzi appena usciti. Quello di Barbato, “Io so chi sei” (Piemme), è un thriller psicologico ambientato a Firenze. Le feste vip in Costa Smeralda e gli incendi estivi manovrati da affaristi senza scrupoli fanno invece da sfondo, in “Stagione di cenere” (Edizioni e/o), a una nuova avventura di Franco Zanna, il fotoreporter nato dalla penna di Ruju.