Il reality show: olandesi incollati alla tv per spiare le case di Ollolai

Settecentomila spettatori della tv olandese Rtl ora conoscono Ollolai, la Barbagia, le sue case in granito e la sfida di cinque famiglie dei Paesi Bassi che qua hanno deciso di trasferirsi

Settecentomila spettatori della tv olandese Rtl ora conoscono Ollolai, la Barbagia, le sue case in granito e la sfida di cinque famiglie dei Paesi Bassi che qua hanno deciso di trasferirsi per cominciare una nuova vita. Il 16 luglio scorso infatti è andato in onda il reality show “Het Italiaanse Dorp: Ollolai”, prodotto dalla Rtl Blue Circle, che ha praticamente fatto il botto di ascolti, catalizzando l’attenzione sulla piccola realtà ollolaese, dove da tre anni è stato avviato un serio progetto di sviluppo locale, che prevede per rivitalizzare il centro storico e l’economia locale, la vendita dei ruderi a un euro a chi si impegna a ristrutturarli entro tre anni. Un progetto che ha già portato al paese tanta notorietà e tante prime pagine dei quotidiani e riviste di tutto il mondo, che non hanno fatto altro che amplificare la notizia e attrarre curiosi.

«Una campagna pubblicitaria gratis per Ollolai e per tutta la Sardegna, per la quale è difficile stabilire la portata», è stato il commento del primo cittadino Efisio Arbau, che con il gruppo di amministratori ha lavorato in questi mesi perché tutto questo diventasse possibile. Tra i media che hanno seguito la vicenda c’è stata anche la tv olandese, che tramite la giornalista del Rtl Nieuws, Eveline Rethmeier, autrice di un servizio sulla iniziativa del paese barbaricino, ha sviluppato l’idea del reality show e ha proposto a cinque famiglie olandesi (selezionate fra centinaia di aspiranti) il trasferimento tra i monti della Barbagia.

Le prime due puntate del programma hanno totalizzato più del 10% di share, andando a superare abbondantemente le aspettative dei produttori. E non poteva essere diversamente dal momento che si è parlato dell’arrivo nel paese da parte dei protagonisti (ben dieci famiglie), e della loro partecipazione all’ultima selezione che ha portato alla scelta di cinque nuclei. La commissione, tutta locale, composta da Efisio Arbau, l’assessore Maria Laura Ghisu, il consigliere Mario Nonne e la commerciante Monica Columbu, ha ascoltato le loro proposte di vita, ha valutato quale interesse e quale entusiasmo portassero verso la comunità, e ha scelto, con molta difficoltà e tra l’emozione e il pathos dei partecipanti.

E se ora gli ollolaesi sono diventati i co-protagonisti di un documentario che testimonia un vero e proprio esperimento sociale, è anche vero che le telecamere e gli operatori che da maggio affollano le strade del centro storico, sono diventati ormai di casa. Così

come ormai sono di casa le cinque famiglie protagoniste, attivissime nel voler portare il loro contributo alla vita locale. A giorni sarà possibile vedere online le altre puntate del reality con l’inizio dei lavori nelle case a un euro e la conoscenza con i nuovi concittadini.
 

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro