Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

L’affascinante avventura dei retabli

Sono testimonianze storiche del passato catalano-aragonese della Sardegna. Sono immense macchine d’altare, ideate e costruite da maestranze e botteghe. I retabli sono protagonisti della serata in...

Sono testimonianze storiche del passato catalano-aragonese della Sardegna. Sono immense macchine d’altare, ideate e costruite da maestranze e botteghe. I retabli sono protagonisti della serata in programma domenica 12 agosto al Museo della Tonnara di Stintino. Alle 19 Maria Paola Dettori, storica dell’arte, funzionaria della Soprintendenza Archeologia, dialogherà con Vittoria Spissu e Caterina Virdis Limentani, autrici del libro “La via dei Retabli. Le frontiere europee degli altari dipinti nella Sardegna del Quattro e Cinquecento”. Sarà presente Carlo Delfino, editore dell’opera. Il volume, interamente dedicato alla produzione di retabli in Sardegna tra Quattrocento e Cinquecento, oltre a fornire nel dettaglio le immagini dei dipinti tuttora conservati nell’Isola, consente di seguire il fluire delle corrispondenze tra retabli sardi e dipinti realizzati nel Levante spagnolo, illustrando per la prima volta nello specifico prestiti e analogie con le fonti grafiche nordiche, con la pittura flandro-iberica, la pittura fiamminga e la maniera moderna italiana.

La Sardegna tra XV e XVI secolo si presenterà come regno-crocevia, capace di accogliere interessanti invenzioni stilistiche.