Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Arriva la serie 1994 e Olbia è ancora set

George Clooney regista

La città si sta riscoprendo città del cinema: da queste parti le macchine da presa sono ormai diventate una costante

Fissa sul tasto rec. Pian piano Olbia si sta riscoprendo città del cinema. Da queste parti le macchine da presa sono ormai diventate una costante. Poco più di un mese fa Olbia ha detto addio a George Clooney. E neanche il tempo di prendere fiato che adesso c’è il ritorno di Stefano Accorsi. La zona tra Olbia e Porto Cervo, passando per Porto Rotondo, ospiterà una parte delle riprese di 1994, che arriva dopo 1992 e 1993. Si tratta della serie tv in onda su Sky che racconta gli anni dell’inchiesta di Mani Pulite e il passaggio dalla prima alla seconda Repubblica, con la nascita di Forza Italia e il primo governo Berlusconi, poi subito fatto cadere dalla Lega Nord di Umberto Bossi. La serie 1994, così come i due capitoli precedenti, è ideata da Stefano Accorsi, che è anche il protagonista principale. Con lui ci saranno tanti altri attori, come per esempio Guido Caprino e Miriam Leone. Le riprese della serie tv, prodotta da Sky e Wildside e che sarà lanciata con tutta probabilità nel 2019, sono cominciate già da qualche settimana. Nel mese di settembre, dal 10 al 24, il set si trasferirà invece in Gallura, con base soprattutto nel territorio comunale di Olbia. Intanto la prossima settimana, in città, si terranno le selezioni delle comparse.

Servillo, il Berlusconi di Sorrentino nel film "Loro"


L’avventura Clooney. Tante volte Olbia e la Gallura hanno fatto da quinta naturale a numerosi film. La volta più importante, e già entrata nella storia, quella dei mesi scorsi. E cioè quando il vecchio aeroporto di Venafiorita, alle porte di Olbia, è diventato il set principale della serie Catch–22, diretta da George Clooney e prodotta da Sky e Paramount. Per un mese e mezzo l’ex scalo aeroportuale è stato trasformato in una base aerea militare della seconda guerra mondiale. Al lavoro centinaia di persone, tra produttori, attori, addetti ai lavori e comparse locali. Un set dove ancora oggi l’accesso è vietato. Non è da escludere che in futuro possa essere preso in considerazione per altre produzioni cinematografiche. Così come non è da escludere un ritorno lampo di George Clooney in Gallura, per terminare una volta per tutte le riprese della serie che sarà trasmessa nell’inverno del 2019. Invece un anno fa un’altra grande produzione. E cioè quella di Loro, il film di Paolo Sorrentino, girato in parte a Porto Rotondo.

Olbia città del cinema. Anche l’amministrazione comunale di Olbia, con la collaborazione della Sardegna film commission, ha deciso di investire sul cinema. Per esempio l’assessorato alla Cultura, guidato da Sabrina Serra, ha promosso un bando per invitare le produzioni cinematografiche a girare film e serie tv all’interno dei confini comunali. A contribuire a rendere Olbia una città del cinema sono anche i festival. Come per esempio lo storico Cinema di Tavolara, nato nei primissimi anni Novanta, e l’Olbia film network, che ingloba pure il Figari film fest.