Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Le stelle Michelin brillano in Gallura

Secondo appuntamento al Petra segreta di San Pantaleo per il “Sustainable Gourmet Festival” con Enrico Bertolini

Secondo appuntamento al Petra segreta di San Pantaleo per il “Sustainable Gourmet Festival”. Lo splendido resort immerso nelle campagne di San Pantaleo, l’unico Relais & Chateaux in Sardegna, ospiterà la serata intitolata “Exquisite Fish”, una cena a quattro mani in cui lo chef del ristorante gourmet del resort “Il Fuoco sacro” Luigi Bergeretto affiancherà Enrico Bartolini. Lo chef protagonista ha appena 39 anni, ed è il più premiato in Italia. La guida Michelin gli ha assegnato infatti 4 stelle: due per il ristorante omonimo che gestisce a Milano all’interno del museo Mudec, e una ciascuna per gli altri due ristoranti che ha aperto a Bergamo e a Castiglion della Pescaia. Bartolini e Bergeretto prepareranno un menu degustazione a base di pescato locale e sostenibile, accompagnato dalle eccellenze di stagione.

L’iniziativa prosegue l’impegno di Relais & Chateaux nei confronti dell’ambiente e del mare visto che l’organizzazione dei resort di lusso ha una partnership con Ethic Ocean, organizzazione ambientale dedita alla conservazione delle risorse ittiche e degli ecosistemi del mare.

Ultimo appuntamento del Festival gourmet al Petra segreta giovedì 30 agosto con una cena a chilometri zero preparata a 4 mani da Bergeretto con Bobo Cerea, del Ristorante Da Vittorio a Brusaporto in provincia di Bergamo. Protagoniste le materie prime dell’orto biologico e della fattoria del resort.

Il festival si era aperto il 2 agosto con 4 chef sardi che insieme a Bergeretto avevano esaltato le eccellenze locali: Roberto Serra (Su Carduleu, Abbasanta), Luigi Pomata (Ristorante Luigi Pomata, Cagliari), Achille Pinna (Da Achille, Sant’Antioco) e Leonildo Contis (Contis, Sanluri).