Fresu sul palco a Nuoro Ritorno alle origini

Paolo Fresu è il grande protagonista della giornata di oggi, martedì 28 agosto, a festival Nuoro Jazz. Il trombettista di Berchidda ritorna nel capoluogo barbaricino nell’ambito della rassegna e dei...

Paolo Fresu è il grande protagonista della giornata di oggi, martedì 28 agosto, a festival Nuoro Jazz. Il trombettista di Berchidda ritorna nel capoluogo barbaricino nell’ambito della rassegna e dei Seminari Jazz di cui è stato cofondatore nel 1989 con la compianta Antonietta Chironi, e che ha diretto per venticinque edizioni.

Un doppio impegno lo attende alla testa del Devil Quartet, la formazione di cui condivide le sorti fin dalle origini, una quindicina d’anni fa, con il chitarrista Bebo Ferra, il contrabbassista Paolino Dalla Porta e il batterista Stefano Bagnoli (tutti docenti dei corsi nuoresi).

Il primo concerto è in agenda alle 10 nel carcere di Badu ’e Carros, appuntamento immancabile della programmazione di Nuoro Jazz che si rinnova per la quindicesima volta grazie alla collaborazione della direzione e dei lavoratori della casa circondariale nuorese. In serata, Paolo Fresu e soci saranno invece di scena nell’area archeologica di Tanca Manna: si comincia alle 21 ma già a partire dalle 19.30 sarà possibile visitare il sito. Il Devil Quartet, che debutta alla fine del 2003, rimanda e allude già nel nome al suo illustre precedente, l’Angel Quartet: uno dei progetti più interessanti tra i tanti varati dai cantieri Fresu, nato nel 1994 come alter ego elettroacustico dell’allora già avviatissimo quintetto “storico”, e che vedeva accanto al trombettista sardo il chitarrista franco-vietnamita Nguyên Lê e una sezione ritmica composta da due nomi del calibro di Furio Di Castri e di Roberto Gatto.

Gli strumenti del Devil sono gli stessi dell’Angel Quartet: accanto alla tromba e al flicorno del leader ci sono il chitarrista Bebo Ferra – altro musicista sardo (cagliaritano) che si è affermato oltre i confini isolani – Paolino Dalla Porta, uno dei contrabbassisti più apprezzati nel panorama del jazz italiano, e il batterista Stefano Bagnoli, un raffinato specialista nell’uso delle spazzole su piatti e tamburi. Diverso rispetto al quartetto “dell’angelo” è invece il suono, più acustico nel quartetto del “diavolo”, come dimostra in particolare il più recente album del gruppo, “Carpe diem”, pubblicato lo scorso febbraio dalla Tuk Music, l’etichetta fondata dallo stesso Paolo Frese nel 2010. “Carpe diem” prosegue le esperienze del quartetto di “Stanley Music” (EMI-Blue Note, 2007) e “Desertico” (Tuk Music, 2013), che registrò il suo primo lavoro per una collana curata dal gruppo editoriale Repubblica-L’Espresso nel 2006.

Il biglietto intero costa quindici euro nei primi posti numerati, il ridotto dodici; dodici euro il prezzo intero nei secondi posti numerati, dieci il ridotto. Prevendita a Nuoro al CTSViavai presso l’ExMè, in piazza Mameli, e online sulla piattaforma Ciaotickets (www.ciaotickets.com). Per informazioni la segreteria dell’Ente Musicale
di Nuoro risponde al numero 0784 36156 e all’indirizzo di posta elettronica nuorojazz@entemusicalenuoro.it.; altre notizie e aggiornamenti sui seminari e la rassegna di concerti sono disponibili nel sito internet www.entemusicalenuoro.it e alla pagina www.facebook.com/nuorojazz2014.

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro