Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Marcias presenta la sua lezione

Stasera la proiezione del cortometraggio dedicato ad Abbas Kiarostami

VENEZIA. Anno 2001. Arriva a Cagliari, per una lectio magistralis, uno dei più grandi registi al mondo: Abbas Kiarostami. Per chi in Sardegna sogna di fare lo stesso mestiere, un’occasione unica per poterlo vedere e ascoltare. Tra questi c’è Peter Marcias, allora poco più che ventenne, che filma con una piccola telecamera l’intervento del maestro iraniano. Rovistando nel suo archivio ha ritrovato questo vecchio materiale video, diventato lo spunto per un cortometraggio dal titolo “L’unica lezione” che oggi sarà presentato alla Mostra del cinema di Venezia nella sezione Giornate degli autori. Una proiezione abbinata a quella di “Il teatro al lavoro” di Massimiliano Pacifico che racconta Toni Servillo a partire dall’avventura umana e artistica della creazione dello spettacolo teatrale “Elvira”. I due film condividono anche un futuro distributivo nelle sale italiane con la Kio Film.. Il lavoro è frutto di un laboratorio di cinema realizzato nei mesi scorsi in collaborazione con il montatore Andrea Lotta, il musicista Stefano Guzzetti, l’assistenza di Giulia Casu e il sostegno economico della Regione. Gli studenti dell’Università di Cagliari sono così pronti a tornare Venezia dopo l’esperienza nella scorsa edizione con i cortometraggi di Salvatore Mereu, “Futuro prossimo”, ed Enrico Pau, “L’ultimo miracolo”, prodotti sempre con il Celcam. Secondo un modello ormai consolidato le attività laboratoriali del Celcam, diretto da Antioco Floris, prevedono la realizzazione di un cortometraggio in cui gli studenti, accanto a professionisti, partecipano al processo creativo del film. Anche in questo caso, il soggetto definito dai docenti è stato sviluppato nel corso e ha preso corpo in sede di pre-produzione e produzione grazie al contributo di tutti gli allievi che hanno così potuto sperimentare in prima persona tutti i passaggi della realizzazione di un film su standard professionali.

All’attività formativa hanno partecipato Stefano Angioni, Riccardo Cara, Giulia Fara, Valentina Farris, Sara Gallus, Giannalisa Giorri, Simona Loddo, Elisa Meloni, Alessandro Mura, Davide Orrù, Simone Paderi, Andrea Perra, Marianna Piano, Alberto Pitzalis, Francesco Pupillo. «Io e i miei allievi - sottolinea Marcias - abbiamo rivisto e commentato i film Kiarostami e questo progetto, di cui vado fiero, è il nostro risultato. Momenti di emozione, parole di grande suggestione e vera poesia. Quella scritta dal Maestro. Abbas Kiarostami oggi non c’è più, ma la sua arte cinematografica ha un posto concreto nel nostro immaginario. Un gigante che ha saputo “rapire” la mia giovinezza».