Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Venezia, premio della critica al corto girato a Carloforte

CARLOFORTE. Anche la Sardegna ha avuto un posto d’onore all’ultima edizione della Mostra internazionale del cinema di Venezia, appena terminata. Tra i premi collaterali, uno è stato assegnato a un...

CARLOFORTE. Anche la Sardegna ha avuto un posto d’onore all’ultima edizione della Mostra internazionale del cinema di Venezia, appena terminata. Tra i premi collaterali, uno è stato assegnato a un corto girato tra la Puglia e Carloforte, con un carlofortino nella produzione. Si tratta di “Gagarin, mi mancherai”, che ha ricevuto il prestigioso premio per la miglior regia, all’interno della Settimana della critica, nella sezione dedicata ai corti. «Essere premiati a Venezia è ovviamente una grandissima soddisfazione – commenta il regista De Orsi – ma è soprattutto un grande senso di responsabilità. Reazioni assai entusiaste anche da parte di Antonio Efisio Scanu, giovane carlofortino con la passione del cinema. Uno che, oltre al ruolo di coproduttore, ha assunto anche quelli di aiuto regista, designer e autore degli effetti speciali. «Non potremmo essere più felici – dice –, essere stati selezionati per noi era già un traguardo, ma tornare con un premio è fantastico. Questo film è il frutto di tanto lavoro e sacrifici di un gruppo di persone che ha dedicato il proprio tempo e le proprie risorse per la semplice passione per il cinema. Il viaggio di “Gagarin, mi mancherai” attraverso i festival probabilmente è appena iniziato, e mentre Domenico porta in giro la nostra idea di cinema, a noi non resta che tornare a Roma e iniziare a lavorare ai progetti futuri. Chissà, forse gireremo nuovamente in Sardegna».

Registrato tra la Puglia e l'isola di San Pietro, il corto di 20 minuti vede gli attori Nicola De Paola (Ivan) e Marina Savino (Sofia) vivere da sopravvissuti in un mondo dove la natura si presenta impervia ed ostile, ma tutto cambia quando un astronauta precipita dallo spazio, con inattese conseguenze.