Il Premio Solinas torna a casa e il cinema “invade” La Maddalena

Da domani a domenica proiezioni, laboratori e dibattiti Venerdì proclamazione dei vincitori: in finale due sassaresi

LA MADDALENA. Il Premio Solinas torna a casa, alla Maddalena. Un ritorno in grande stile, dopo 8 anni, con un ricco programma costruito attorno all’attesa cerimonia di premiazione. Festival delle Storie, questo il titolo della manifestazione in programma da giovedì a domenica.

Un momento di incontro, confronto e contaminazione tra sceneggiatori e registi caratterizzato anche da una serie di eventi che si svolgeranno in contemporanea in vari luoghi dell’isola.

Dopo l’annuncio alla Mostra del cinema di Venezia è quindi tutto pronto per il ritorno del Premio Solinas alla Maddalena, possibile grazie all’impegno della Regione, del Comune e della Fondazione Sardegna Film Commission.

«Il premio che porta il nome del grande sceneggiatore sardo Franco Solinas – sottolinea la direttrice della Film Commission Nevina Satta – ritorna nell’isola dove era stato concepito. Per noi non è soltanto il dovuto tributo alla fondamentale figura di Solinas, ma soprattutto la possibilità di legittimare l’arditezza e l’ambizione che si possa scrivere per il cinema anche da un’isola remota. Noi abbiamo l’ambizione di difendere e diffondere l’idea della Sardegna come terra di cinema e di storie appunto».

Si parte domani con laboratori di alta formazione tra giurati e finalisti del Premio Franco Solinas a Forte Arbuticci. «Trasformare La Maddalena in un laboratorio a cielo aperto è stata una delle nostre sfide del 2018 e la stiamo realizzando» sottolinea Annamaria Granatello, direttrice del Premio Solinas. In serata, alle 20.30 agli ex Magazzini Ilva, prevista la proiezione di “Flash” di Valerio Vestoso e incontro con il regista e i produttori.

Venerdì sarà la giornata della premiazione, con cerimonia fissata a partire dalle 21 in piazza Umberto I. Oltre la proclamazione dei vincitori dei concorsi del Premio Solinas (tra i finalisti ci sono anche i sassaresi Paolo Pisanu e Gianni Tetti) nel corso della serata ci sarà spazio per un concerto degli Avion Travel e per la proiezione del backstage del film “Notti magiche” di Paolo Virzì alla presenza del regista e dei tre giovani protagonisti: Irene Vetere, Mauro Lamantia e Giovanni Toscano.

In programma dalla mattina laboratori e sessioni di pitching tra finalisti e giurati del Premio, aperti al pubblico, ai produttori e agli studenti. E proprio agli studenti, quelli del dell’Istituto Comprensivo Giuseppe Garibaldi sono dedicati due particolari appuntamenti. Domani con Laura Luchetti, che terrà una masterclass dopo la proiezione del suo cortometraggio d’animazione “Sugarlove”, e sabato con Paola Randi dopo la proiezione del backstage del film “Tito e gli alieni”.

La giornata di sabato sarà aperta da una tavola rotonda su isolamento, connessione e riconnessione prevista per la mattinata nella sala conferenze dell’Hotel Le Nereidi. Nel pomeriggio, dalle 17 ancora agli ex Magazzini Ilva, ci sarà la presentazione dei risultati del Cantiere delle storie, progetto del Premio Solinas e delle Università di Cagliari, Sassari e Tor Vergata per trasformare strutture dismesse della Maddalena in un Centro di alta formazione per il cinema e l’audiovisivo. A seguire proiezione del cortometraggio di Peter Marcias “L’unica lezione”
e incontro con il regista. E ancora presentazione del work in progress del corto “L’uomo del mercato” di Paola Cireddu, studentessa dell’università di Cagliari già vincitrice del premio per il miglior soggetto nell’ambito del Cantiere delle storie.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller