Al lavoro unite da passione e voglia di riscatto

Sommelier, produttrici, giornaliste: sono oltre trenta le socie sarde dell’Associazione donne del vino

Sono poco più di una trentina le socie sarde dell’associazione nazionale Donne del vino. Tra loro ci sono sommelier, produttrici, ristoratrici, giornaliste. Le unisce la passione per il vino e un po’ di voglia di riscatto, come dice la vice presidente della delegazione regionale, Denise Dessena (gestisce l’hotel ristorante di famiglia S’Astore a Benetutti): «Per ottomila anni la cultura del vino è stata appannaggio degli uomini, è ora di far sentire la nostra voce in un ambiente che è ancora fondamentalmente maschilista».

Ecco i nomi delle socie dell’isola: Angelica e Roberta Tani (Cantina Tani), Anna Maria Fara (Sardegna Bella e Buona), Antonella Corda (Cantina Antonella Corda), Claudia Pinto (Enoteca Vitis Vinifera), Claudia Secci e Donatella Buttu (Cantina Dorgali), Daniela Pinna (Tenute Olbios), Denise Dessena (Hotel S'Astore), Elisabetta Pala (Mora&Memo, è la presidente della delegazione regionale), Emanuela Flore (Enologa), Francesca & Anna Giulia Loi (Vitivinicola Alberto Loi), Grazia Canneddu (Cantina Canneddu), Laura Carmina (Tenuta Muscazega), Laura Mancini (Cantina delle Vigne di Piero Mancini), Emanuela, Maria Antonietta e Roberta Melis (Eminas), Maria Grazia Perra (Azienda Ferruccio Deiana), Marianna Mura (Cantina Mura), Nicoletta Pala e Beatrice Ragazzo (Audarya), Nina Puddu (Azienda Puddu), Paola Hofmann (Cantina Mastio Hofmann), Rita Pinna e Amalia Dessì (Pala),
Roberta e Valeria Pilloni (Su'entu), Roberta Porceddu (Cantina Lilliu), Rossella Casula (Sommelier), Sofia Carta (Sommelier), Stefania Montisci (Terra Sassa), Valentina Argiolas (Argiolas). La delegazione Sardegna ha una pagina facebook che informa su tutte le attività dell’associazione.

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller