Vasco bis chiude il tour 2019 A Cagliari un altro record

Successo e tanto pubblico per la seconda e ultima data sarda della rockstar Sono in tutto 450mila i fan che lo hanno seguito nei live di Milano e sull’isola

CAGLIARI. Il Provocautore, come ama definirsi, ha colpito ancora. Dispensando da un palco imponente energia ed emozioni, ma anche collezionando altri record che vanno a sommarsi a quelli mondiali che già vanta. Sono complessivamente la bellezza di 900mila le persone che hanno riempito gli stadi per ascoltare Vasco Rossi nel suo “Non Stop live tour” iniziato a giugno dell’anno scorso con dieci date e 450mila paganti e continuato a giugno 2019 con otto date per altri 450mila paganti nelle due tappe esclusive: quella di Milano (6 date) e quella di Cagliari (2 date), con l’ultimo live ieri sera e il dopo concerto a bordo di una nave brandizzata attraccata in porto per la «quiete dopo la tempesta». Un regalo alla Sardegna, l’ha definito. Ed è vero. Perché portare un megashow simile su un’isola logisticamente non è certo semplice. Ma Vasco l’ha voluto fortissimamente, e anche ieri, nel live che ha concluso il tour 2019, è stata una notte magica per i 30mila che hanno affollato la Fiera di Cagliari. Impressionante. Una tempesta perfetta anche stavolta, grazie a una scaletta audace al punto da sorprendere anche i fan più affezionati.

La cosa più incredibile è che chi conosce bene il Komandante giura di non averlo mai visto in forma così smagliante, così generoso con il suo pubblico. «Una bomba che esplode, l’unica rockstar che l’Italia abbia mai avuto». Di certo uno che fa la “rivoluzione permanente” affrontando, proprio come ha fatto in questi ultimi concerti, temi ricorrenti e a forte valenza sociale: la provincia, l’emarginazione, il pregiudizio, la solitudine, la rabbia, la voglia di fuga, la dissacrazione, la ribellione. E poi l’ironia, o a volte il sarcasmo che ridimensiona il tutto ma lancia comunque un segnale preciso di denuncia. Per questo nelle sue messe rock la gente non smette un istante di cantare, di ballare, di ridere, di piangere… di stare bene. Con i reggiseni che le ragazze del fronte del palco si tolgono e gli lanciano addosso. Una scena che si ripete sempre come un rito quando lui intona l’immancabile “Rewind” e che nelle notti cagliaritane ha visto l’aggiunta di qualche perizoma.

Insomma, impegno e leggerezza, sono forse uno dei segreti che hanno fatto
di Vasco il Re degli Stadi. Ma anche la cura dei dettagli, una band strepitosa (molto brava la polistrumentista new entry Beatrice Antolini. «Ce la farete tutti perché siete bellissimi», ha urlato ai suoi fan il Komandante alla fine del concerto. Un augurio fatto con sincero affetto.

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community