Gavoi da leggere

Le finestre del balcone fiorito di S’Antana ’e susu si schiudono ed è subito festival. Ieri mattina Gavoi si è aperto ufficialmente all’invasione degli amanti della letteratura rinnovando, per la...

Le finestre del balcone fiorito di S’Antana ’e susu si schiudono ed è subito festival. Ieri mattina Gavoi si è aperto ufficialmente all’invasione degli amanti della letteratura rinnovando, per la sedicesima volta, uno degli appuntamenti più suggestivi del panorama letterario italiano.

Il dialogo tra Alessandro Giammei e Rossella Milone è stato solo il primo appuntamento di una lista infinita che per tre giorni scandisce le giornate del paese secondo ritmi diversi dal solito vissuto quotidiano, ma Gavoi ormai ha imparato ad aprirsi ed esibire la sua bellezza alle migliaia di persone che in questo weekend estivo invadono e popolano i suoi vicoli di granito. Tanti momenti di svago, cultura e riflessione «in un periodo nel quale riflettere è diventato molto complicato» ha detto lo scrittore nuorese Marcello Fois, ancora una volta nelle vesti padrone di casa molto presente.

Si ricomincia con la solita folla e la veriatà degli appuntamenti in cartellone, con uno spazio importante anche per gli amanti del cinema. Come sempre il venerdì è stata la giornata di assaggio, quella che serve a ritrovarsi e prendere confidenza, ma con Catherine Dunne. Oggi e domani è attesa la grande folla. Alle 10 Teresa Ciabatti dal balcone, Marco Tullio Giordana e Lirio Abbate nello spazio cinema, nel pomeriggio Luigi Garlando
nello spazio per i ragazzi, la sera Rachel Cusk nel fresco dei giardini comunali. E a mezzanotte la parte meno seria e forse meno conosciute, il mirto con l’autore, momento nel quale tutti si prendono meno sul serio e sul palco dominano le storie raccontate con autoironia e allegria.

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community