«Strada bloccata, le colpe di Bruno»

Quattro corsie, Fois (Riformatori) accusa il sindaco: ha votato a favore del Ppr

ALGHERO. «Siamo al paradosso, a bloccare la Alghero-Sassari è stato il Ppr votato in consiglio regionale da Mario Bruno, chi oggi si erge a paladino e risolutore del problema ne è stato la causa, protagonista nell’approvazione del Piano paesaggistico regionale dell’allora presidente Renato Soru, che obbliga il ridimensionamento da quattro a due corsie». All’indomani della fumata grigia arrivata da Roma, dove il summit al ministero dei Trasporti ha confermato la contrarietà del Mibact alle quattro corsie, la reazione di Pietro Fois, segretario regionale dei Riformatori, è veemente. «Quando è stata approvata la legge diversi lotti erano già finiti e altri in costituzione – insiste Fois – chi ha votato la legge doveva sapere il tipo di ricaduta negativa che avrebbe avuto». Secondo lui, «trattandosi di zona di interesse costiero e turistico non poteva che accadere esattamente quello che è accaduto». Ecco perché, conclude Pietro Fois, «Bruno è tra coloro che hanno provocato questo danno e l’ennesima mortificazione del territorio di Alghero». Sull’argomento interviene anche Forza Italia. «La quattro corsie va fatta, è una questione di civiltà», chiedono i vertici cittadini del partito. «Lo ripetiamo da anni, e se fossimo stati noi al governo di Alghero e della Regione a quest’ora la strada sarebbe stata già realizzata – sostengono – ma purtroppo il centrosinistra, accogliendo le spinte del peggior ambientalismo radicale, ha voluto portare avanti la battaglia del Ppr e i risultati sono evidenti: tutto bloccato».(g.m.s.)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes