Aziende agricole fasulle, evaso il fisco per 14 milioni di euro

La guardia di finanza scopre nel Cagliaritano una produzione di energia elettrica di cui non venivamo dichiarati i ricavi

CAGLIARI. Evasione fiscale per oltre 14 milioni di euro scoperta dalla guardia di finanza del nucleo di polizia economico-finanziario del Gruppo Cagliari a carico di alcune società ufficialmente operanti nel settore agricolo ma che in realtà erano produttrici di energia elettrica attraverso le serre fotovoltaiche montate sui tetti dei capannoni e nei terreni delle rispettive aziende agricole.

Le attività di verifica dei finanzieri avevano mosso i loro passi da pregresse indagini a seguito delle quali i titolari delle attività ispezionate erano stati segnalati all’autorità giudiziaria per i reati, tra gli altri, di truffa aggravata e dichiarazione infedele. Tali indagini avevano permesso di appurare che le società agricole ispezionate avevano ricevuto cospicui ed indebiti incentivi pubblici derivanti dall’attività di produzione di energia elettrica realizzata attraverso gli impianti fotovoltaici installati su serre, conseguendo, inoltre, ricavi esclusivamente dalla produzione di energia elettrica, ma applicando, indebitamente, il regime di tassazione previsto per l’attività agricola.

La complessiva azione di controllo ha consentito, in sintesi, di rilevare che, nelle annualità d’imposta dal 2013 al 2017, le imprese ispezionate hanno sottratto a tassazione basi imponibili ai fini delle imposte sui redditi delle società per più di 14 milioni di euro, di cui oltre 6 milioni costituenti costi che, essendo riconducibili alla commissione di condotte illecite, sono stati considerati non deducibili e quindi costituenti elementi da dichiarare e sottoporre a tassazione.

L’operato dei finanzieri ha altresì portato alla constatazione dell’omessa dichiarazione di base imponibile ai fini Irap per 7,8 milioni di euro, oltre che il mancato versamento di 63.428 euro di ritenute previdenziali e violazioni formali nella tenuta della contabilità aziendale. Adesso la parola passa alla Agenzia delle entrate.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes