In pieno centro a Cagliari inseguimento e frontale con l'auto dei carabinieri

L'auto dei carabinieri danneggiata dopo lo scontro (foto mario rosas)

La Golf in fuga è stata bloccata da un'altra pattuglia: in 4 finiscono in manette

CAGLIARI. Scene da film poliziesco nella tarda serata di ieri nel centro di Cagliari affollato di gente per la movida notturna del weekend, la prima nella Sardegna zona bianca dalla pandemia. Un’auto con cinque persone a bordo è stata inseguita dalle pattuglie dei carabinieri dopo aver cercato di evitare un posto di blocco, peraltro in allestimento dai parte dei militari, e ha causato un incidente davanti a centinaia di persone che hanno assisto a momenti da brivido. E’ finita con i quattro fuggitivi in manette e un carabiniere ferito. Dai controlli effettuati sull’auto sono saltati fuori un borsello con droga e denaro.

Tutto è iniziato intorno alle 21 in viale Buoncammino, dove i carabinieri stavano predisponendo un posto di controllo. E’ sopraggiunta una Golf bianca con cinque persone a bordo che alla vista a distanza dei lampeggianti della “gazzella” ha effettuato una repentina manovra elusiva e si è data alla fuga. E’ iniziato un inseguimento a tutta velocità, con altre pattuglie dei carabinieri fatte convergere nella zona dalla centrale operativa. Fuggitivi e inseguitori sono transitati nelle strette vie sotto Buoncammino, poi davanti al palazzo delle Scienze e al vecchio ospedale San Giovanni di Dio, dove fra l'altro la Golf ha investito un rider in moto che è finito in ospedale per fortuna non in condizioni gravi, per poi arrivare in piazza Yenne e Largo Carlo Felice affollati di giovani.

Nel Largo, davanti alla sede della Banca d’Italia, la Golf ha sbandato e ha invaso la corsia di sinistra, andando a sbattere frontalmente con una “gazzella” dell’Arma sopraggiunta da via Roma. Dopo lo scontro, uno egli occupanti della Golf è fuggito a piedi, gli altri quattro sono stati bloccati e ammanettati dai militari delle diverse pattuglie che stavano partecipando alla caccia dei fuggitivi.

Un carabiniere è rimasto ferito ed è stato affidato agli operatori del 118. Mentre i quattro fermati venivano portati i caserma, un primo controllo dell’abitacolo da parte degli investigatori dell’Arma, diretti dal tenete colonnello Michele Tamponi, comandante il Reparto operativo provinciale, ha permesso di trovare un borsello con stupefacente già confezionato in dosi e una discreta somma di denaro. In caserma i quattro, tra i 24 e i 30 anni, sono stati sottoposti a un lungo interrogatorio. (luciano onnis)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes